Marco Mengoni ed Elisa raccontano le loro emozioni per Il Re Leone

Per la versione italiana de Il Re Leone sono stati scelti due doppiatori d’eccezione: Marco Mengoni ed Elisa. Chiamati a reggere il peso del confronto con gli originali, Donald Glover (alias Childish Gambino) e Beyoncé, i due cantanti nostrani hanno lavorato al remake con passione e grande amore, restituendo fedelmente delle emozioni uniche.

Il film uscirà nelle sale italiane il 21 agosto, ma già oggi i due artisti hanno voluto raccontare alla stampa le loro sensazioni su un’esperienza professionale unica. Ecco le loro dichiarazioni più importanti, riportate da 361magazine.

Marco Mengoni è Simba ne Il Re Leone

Il cantautore di Ronciglione ha raccontato che quando è uscito il cartone de Il Re Leone aveva cinque anni e che l’ha rivisto una seconda volta solo a 13. Sul lavoro in sé l’artista ha dichiarato essere stato strano, in quanto per policy Disney hanno dovuto rimanere fedeli all’originale, e l’inglese è di suo una lingua più fredda rispetto all’italiano.

Tra l’altro, Mengoni è stato ospite anche della premiere a Los Angeles. Un’esperienza indimenticabile: “Ero come un bambino a Disneyland. Ho avuto il piacere di parlare con Donald Glover, che è stato molto carino. Ho conosciuto anche Jon Favreau (il regista, ndr), che è una persona incredibile, entusiasta della riuscita del film, e che una volta saputo che ero il Simba italiano mi ha regalato una fiche che posseggono tutti quelli che hanno lavorato a Il Re Leone“.

Infine, Mengoni ha anche parlato del suo personaggio preferito del film. Simba? No, a quanto pare è un altro. Marco preferisce la saggezza, e quindi ha trovato più affascinanti Rafiki e Mufasa.

Marco Mengoni
Marco Mengoni

Il Re Leone: le emozioni di Elisa

Più grandicella Elisa, rispetto a Marco, ha dei ricordi più vividi riguardo a Il Re Leone originale, di cui ricorda la musica ma anche scene iconiche come quella del saluto iniziale.

Come per Mengoni, anche per Elisa è stato difficile lavorare con la policy Disney. Guidata dalla direttrice del doppiaggio, ha però trovato un suo modo di interpretare Nala, cercando di non rifare Beyoncé, visto che sarebbe stato controproducente.

Parlando dell’eseprienza di rivedere il cartone con i figli, la cantante ha raccontato di essere stata interessata più che altro nel vedere se reagivano come lei. Purtroppo è rimasta delusa però nel costantare che non hanno pianto più di tanto, nemmeno sulla morte di Mufasa, un momento che solitamente distrugge ogni spettatore.

E riguardo al suo personaggio preferito del film, anche lei non ha dubbi: è Rafiki.

Di seguito L’amore è nell’aria stasera di Marco Mengoni ed Elisa:

ultimo aggiornamento: 15-07-2019