Grammy Awards 2019: tutti i vincitori degli Oscar della musica

Tutti i vincitori dei Grammy Awards 2019: l’elenco completo.

La notte più lunga dell’anno musicale è andata in archivio. Sono stati assegnati i Grammy Awards 2019, gli Oscar della musica, che di fatto chiudono il 2018 e proiettano l’industria del suono verso nuovi orizzonti.

Grandi protagonisti dello show più atteso dalle grandi star della musica internazionale sono stati Childish Gambino, vero trionfatore della serata, e Lady Gaga, vittoriosa in tre categorie. Sorriso amaro invece Kendrick Lamar, vincitore di un solo grammofono, per giunta di minor prestigio, nonostante le molte nomination ricevute.

Grammy Awards 2019: i vincitori

Dei nove premi maggiori, ben due hanno visto la vittoria di Childish Gambino, l’attore diventato rapper. La sua This Is America, scritta dallo stesso Donald Glover e Ludwig Göransson, ha sbaragliato la concorrenza nella categoria Registrazione dell’anno e Canzone dell’anno.

E pensare che Donald non ha nemmeno voluto presenziare alla cerimonia, in aperta polemica con l’organizzazione.

Bene anche Lady Gaga, che strappa tre grammofoni, tra cui quello per il miglior duo/gruppo pop, ovviamente per la splendida Shallow con Braley Cooper.

Lady Gaga a Venezia 75
Lady Gaga a Venezia 75

L’elenco completo dei vincitori dei Grammy Awards 2019

Album dell’anno: Golden Hour di Kacey Musgraves

Registrazione dell’anno: This is America di Childish Gambino

Miglior artista emergente: Dua Lipa

Miglior album rap: Invasion of Privacy di Cardy B

Miglior album R&B: H.E.R. di H.E.R.

Miglior canzone rap: God’s Plan di Drake

Miglior album country: Golden Hour di Kacey Musgraves

Canzone dell’anno: This Is America di Childish Gambino

Miglior performance di un duo/gruppo pop: Shallow di Lady Gaga e Bradley Cooper

Producer dell’anno: Pharrell Williams

Miglior performance rap/cantato: This Is America di Childish Gambino

Miglior performance rap: King’s Dead di Kendrick Lamare, Jay Rock, Future & James Blake e Bubblin’ di Anderson .Paak

Miglior album rock: From the Fires dei Greta Van Fleet

Miglior canzone rock: Masseduction di Jack Antonoff e Annie Clark

Miglior performance metal: Electric Messiah degli High on Fire

Miglior performance rock: When Bad Does Good di Chris Cornell

Miglior album urban contemporaneo: Everything Is Love dei Carters (Jay Z e Beyoncé)

Miglior canzone R&B: Boo’d Up di Ella Mai

Miglior performance R&B tradizionale: Bet Ain’t Worth the Hand di Leon Bridge e How Deep Is Your Love di PJ Morton e Yebba

Miglior performance R&B: Best Part di H.E.R. e Daniel Caesar

Miglior album latin jazz: Back to the Sunset di Dafnis Prieto Big Ban

Miglior album jazz per grande complesso: American Dreamers di John Daversa Big Band

Miglior album jazz strumentale: Emanon di The Wayne Shorter Quartet

Miglio album jazz vocale: The Window di Cécile McLorin Salvant

Miglior solo jazz improvvisato: Don’t Fence Me In di John Daversa

Miglior album reggae: 44/876 di Sting e Shaggy

Miglior album dance/elettronico: Woman Worldwide di Justice

Miglior registrazione dance: Electricity di Silk City e Dua Lipa con Diplo & Mark Ronson

Miglior composizione classica contemporanea: Kernis – Violin Concerto

Miglior compendio classico: Fuchs – Piano concerto Spiritualist; Poems of Life; Glacier; Rush

Miglior album classico vocale: Songs of Orpheus – Monteverdi, Caccini, d’India e Landi di Karim Sulayman

Miglior solo strumentale classico: Kernis – Violin Concerto di James Ehnes

Miglior performance di musica da camera/piccolo complesso: Landfall di Laurie Anderson e Kronos Quartet

Miglior performance corale: McLoskey – Zealot Canticles

Miglior registrazione d’opera: Bates – The (R)evolution of Steve Jobs

Miglior performance orchestrale: Shostakovic – Symphonies Nos. 4 & 11 di Andris Nelson

Produttore di musica classica dell’anno: Blanton Alspaugh

Miglior engineered album di musica classica: Shostakovic – Symphonies Nos. 4 & 11 di Shawn Murphy e Nick Squire

Miglior album pop vocale: Sweetener di Ariana Grande

Miglior album pop vocale tradizionale: My Way di Willie Nelson

Miglior performance pop solo: Joanne (Where Do You Think You’re Goin’?) di Lady Gaga

Miglior canzone country: Space Cowboy di Kacey Musgraves

Miglior performance di un duo/gruppo country: Tequila di Dan + Shay

Miglior performance country solo: Butterflies di Kacey Musgraves

Miglior musica per film: Quincy di Quincy Jones

Miglior video musicale: This Is America di Childish Gambino

Miglior album di musica regional roots: No ‘Ane’i di Kalani Pe’a

Miglior album latino tropicale: Anniversary della Spanish Harlem Orchestra

Miglior album di musica messicana regionale: México por siempre di Luis Miguel

Miglior album latin rock, urban o alternative: Aztlan di Zoé

Miglior album pop latino: Sincera di Claudia Brant

Miglior album di spoken word: Faith – A Journey for All di Jimmy Carter

Miglior album per bambini: All the Sounds di Lucy Kalantari e the Jazz Cats

Miglior album folk: All Ashore dei Punch Brothers

Miglior album di blues contemporaneo: Please Don’t Be Dead dei Fantastic Negrito

Miglior album blues tradizionale: The Blues Is Alive and Well di Buddy Guy

Miglio album bluegrass: The Travelin’ McCourys di The Travelin’ McCourys

Miglior album americana: By the Way, I Forgive You di Brandi Calrile

Miglior canzone american roots: The Joke di Brandi Calrile, Dave Cobb, Phil Hnaseroth e Tim Hanseroth

Miglior performance american roots: The Joke di Brandi Calrile

Miglior album new age: Opium Moon di Opium Moon

Miglior canzone scritta per media visuali: Shallow di Lady Gaga, Mark Ronson, Anthony Rossomando e Andrew Wyatt

Migliore soundtrack per media visuali: Black Panther di Ludwig Göransson

Miglior compilation soundtrack per media visuali: The Greatest Showman di Hugh Jackman

Miglior album di world music: Freedom del Soweto Gospel Choir

Miglior album di gospel roots: Unexpected di Jason Crabb

Miglior album di musica cristiana contemporanea: Look Up Child di Lauren Daigle

Miglior album gospel: Hiding Place di Tori Kelly

Miglior performance/canzone di musica cristiana contemporanea: You Say di Lauren Daigle

Miglior performance/canzone gospel: Never Alone di Tori Kelly e Kirk Franklin

Miglior album strumentale contemporaneo: Steve Gadd Band della Steve Gadd Band

Miglior album immersive audio: Eye in the Sky – 35th Anniversary Edition di Alan Parsons

Miglior registrazione remixata: Walking Away di Alex Crossan

Miglior engineered album di musica non classica: Colors di Beck

Miglior album storico: Voices of Mississippi – Artists and Musicians Documented by William Ferris di William Ferris, April Ledbetter e Steven Lance Ledbetter

Miglior album notes: Voice of Mississippi – Artists and Musicians Documented by William Ferris di David Evans

Miglior box o limited edition: Squeeze Box – The Complete Works of Weird Al Yankovic

Miglior package di una registrazione: Masseduction (St. Vincent) di Willo Perron

Miglior arrangiamento strumentale e vocale: Spiderman Theme di Mark Kibble, Randy Waldman e Justin Wilson

Miglior arrangiamento strumentale o a cappella: Stards and Stripes Forever di John Daversa

Miglior composizione strumentale: Blut und Boden (Blood and Soil) di Terence Blanchard

Miglior album di musica alternative: Colors di Beck

Miglior album di musical: The Band’s Visit di Etai Benson, Adam Kantor, Katrina Lenk e Ari’el Stachel

Miglior comedy album: Equanimity & The Bird Revelation di Dave Chappelle

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 11-02-2019