Al Festival di Sanremo, Geolier porterà la sua canzone “I p’ me, tu p’ te” che celebra la sua città e la sua lingua.

Simbolo del 2023, Geolier arriva a Sanremo 2024 con la consapevolezza di dover portare sul palco dell’Ariston un pezzo in napoletano che racconta la storia della sua città. Portare alla kermesse il suo brano “I p’ me, tu p’ te”, per il rapper “vuol dire già aver vinto”.

Geolier

Geolier e il brano come inno alla cultura napoletana

All’anagrafe Emanuele Palumbo, l’artista è stato scelto tra i 30 cantanti in gara al Festival di Sanremo 2024. Un grande traguardo considerata la sua giovane età, e il grande successo che ha riscosso in poco tempo. Ma le sue intenzioni sono chiare per questa nuova esperienza, che diventa sempre più reale.

“I p’ me, tu p’ te” è un brano che nasce con l’obiettivo di portare Napoli e il napoletano a Sanremo. Il testo parla di una storia, di quelle che capitano a tanti ragazzi, e il punto di forza è il ritornello, che nelle prime prove ha emozionato molto l’artista.

Per questo, insieme agli altri autori, Geolier ha deciso di scrivere il testo in dialetto. “Mi sento una bandiera”, dichiara, parlando del legame così forte che avverte con Napoli. Tuttavia, “I p’ me, tu p’ te” è un brano che avrebbe pubblicato comunque, anche se non fosse stato selezionato per Sanremo.

Il testo di “I p’ me, tu p’ te”

Nuij simm doije stell ca stann precipitann
T stai vestenn consapevole ca tia spuglia
Pur o’mal c fa ben insiem io e te
Ciamm sprat e sta p semp insiem io e te
No no no comm s fa
No no no a t scurda
P mo no, no pozz fa
Si ng stiv t’era nvta…

Continua per il testo integrale

Riproduzione riservata © 2024 - NM

Sanremo

ultimo aggiornamento: 1 Febbraio 2024 21:06


Fred De Palma a Sanremo 2024 con “Il cielo non ci vuole”

A Sanremo 2024 i Bnkr44 portano “Governo punk”: il significato del testo