Fausto Leali è stato accuasto di razzismo sui social dopo le sue ultime e discutibili dichiarazioni all’interno della casa del Grande Fratello Vip.

Nuova bufera su Fausto Leali! La partecipazione del cantante al Grande Fratello Vip ha già regalato una serie di polemiche importanti, che hanno portato l’artista a diventare il bersaglio principale dei social: tra gli utenti di Twitter quasi tutti ne chiedono l’immediata espulsione. Ma cosa avrebbe combinato stavolta il cantante di A chi?

Fausto Leali accusato di razzismo per delel frasi al GF Vip

Dopo aver elogiato Benito Mussolini con frasi che hanno destato scalpore e scandalo nei primi giorni all’interno della casa più spiata d’Italia, stavolta il cantante si è guadagnato una bella pioggia di critiche esponendo a Enock Barwuah, fratello di Mario Balotelli, le sue considerazioni sulla parola ‘ne*ro’.

Fausto Leali
Fausto Leali

La tesi sostenuta dall’artista di Nuvolento per giustificare l’utilizzo di un termine ormai diventato desueto in Italia è la seguente: “Nero è il colore, ne*ro è la razza“. Una semplificazione che ha mandato su tutte le furie il pubblico a casa!

Fausto Leali ed Enock Barwuah: il botta e risposta

Questa tesi è stata enunciata da Fausto davanti a Enock Barwuah, il fratello di Mario Balotelli. E ovviamente il calciatore non è stato per nulla d’accordo con il cantante: “Da casa ci guardano, non deve passare questa cosa qui. Non bisogna dirlo“.

Leali ha replicato chiedendo al giovane compagno d’avventura cosa dovesse allora fare con una sua canzone del 1968, Angeli negri. La risposta del fratello di Balotelli è stata questa: “Ho capito cosa vuoi dire, ma è una parola che non deve essere detta. Altrimenti la gente pensa che sia normale dirlo, ma non è così“.

Di seguito l’audio del classico del suo repertorio citato da Fausto in questo botta e risposta già diventato virale:

TAG:
Fausto Leali

ultimo aggiornamento: 21-09-2020


Morgan fa gli auguri di buon compleanno a Loredana Bertè e Asia Argento: “Due donne rock”

Emma Marrone a un anno dalla malattia: “Non dimentico l’odore della paura”