Esclusiva – Baustelle: «Un disco dal vivo ha sempre qualcosa di magico»

Perché i Green Day si chiamano così?

Dopo 15 anni di carriera i Baustelle registrano il loro primo album dal vivo: Roma Live. Un vero e proprio disco dal vivo che Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi e Claudio Brasini hanno voluto proporre ai loro numerosi fan, rivisitando le canzoni storiche, ripercorrendo quasi totalmente la loro carriera.

Di seguito l’intervista esclusiva ai Baustelle, rilasciata ai microfoni di Selenia Orzella, inviata per MusicBox.

Vorremmo partire dal fatto che è un album registrato completamente a Roma durante le vostre tre tappe, però perchè avete deciso di non mettere, o meglio di non suonare Piangi Roma?

Lo facciamo apposta a fare degli scherzetti. Non c’è nè Piangi Roma Contà l’Inverno, l’abbiamo scelto così per motivi di scaletta di concerto, Piangi Roma non l’abbiamo quasi mai eseguita durante questo tour e Contà L’Inverno la facevamo, ma evidentemente abbiamo preferito mettere in risalto altre canzoni e rispolverare le più vecchie.

Chi vi conosce molto bene, secondo voi, come avrà preso il fatto di queste nuove versioni?

Bisognerebbe chiederlo a loro, comunque abbiamo un pubblico molto attento, che ci segue in maniera quasi sacra, sa che non facciamo le cose tanto per fare. Un nostro live deve avere un senso, questo è un live particolare, di vecchie canzoni riarrangiate con sensibilità musicali più moderne. E stata un’occasione anche per chi ci conosce da tanto di riascoltare  il vecchio repertorio in una veste nuova. Un disco dal vivo non è mai……

Per guardare l’intervista integrale ai Baustelle clicca qui

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 19-11-2015

Redazione Notizie Musica

Per favore attiva Java Script[ ? ]