Eminem è pazzo della figlia Hailie: il rapper ha raccontato in un’intervista il suo rapporto con la ragazza e con le altre figlie.

Eminem è pazzo di Hailie Jade, la sua prima figlia! Il noto rapper è più orgoglioso che mai di quanto fatto dalla ragazza fin qui nella sua vita, e non perde occasione di affermarlo pubblicamente.

Durante il podcast Hotboxin dell’ex pugile Mike Tyson, l’artista ha parlato del rapporto con le sue figlie e ha riempito di elogi proprio la sua unica figlia di sangue, che oggi non solo è laureata ma è anche un’apprezzata influencer.

Eminem innamorato della figlia Hailie Jade

Nata dal rapporto con la storica moglie Kimberly, una donna con cui ha avuto una relazione ricca di alti e bassi, Hailie è oggi una donna di successo. Ha 24 anni, è laureata e sta anche lavorando con successo sul mondo dei social.

Sono orgoglioso di lei“, spiega Marshall, “si è laureata e ha un fidanzato. È l’unica donna che adoro“.

D’altronde, che il loro rapporto fosse speciale Eminem lo aveva dimostrato con i fatti. Ha lei ha infatti dedicato alcuni tatuaggi e anche tante canzoni, specialmente nei primi anni Duemila. Tra queste ricordiamo Hailie’s Song, Mockingbird e My Dad’s Gone Crazy.

Ecco una foto di Hailie:

Le figlie di Eminem

Il leggendario rapper non è solito parlare della propria vita privata, ma stavolta ha voluto fare uno strappo alla regola e ha confidato qualche segreto sul suo rapporto con Hailie.

La piccola Hailie tra l’altro non è l’unica figlia dell’artista americano. Eminem ha infatti anche due figlie adottive: una è Whitney, nata da una relazione dell’ex moglie Kimberly prima del loro matrimonio; l’altra è Alaine, sua nipote di sangue.

Quando penso alle mie abilità, questa è probabilmente quella di cui vado più fiero“, conclude Marshall, “essere bravo a crescere i bambini“.

Eminem
Eminem

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/EminemDaughter1

TAG:
eminem people

ultimo aggiornamento: 02-04-2020


Patti Smith: “Amo l’Italia, non vedo l’ora di tornare”

Vasco Rossi: “Ci vogliono dividere, ma abbiamo bisogno di unità”