Elettra Lamborghini, il test per il Covid-19 è negativo: l’ereditiera lo mostra sui social ed esulta con i suoi follower.

Elettra Lamborghini non ha il Coronavirus! L’ereditiera, dopo essere stata protagonista di alcuni eventi in questa estate, ultimo quello di Ferragosto al Praja di Gallipoli, prima della decisione di cancellare il suo tour, ha preferito sottoporsi al test per il Covid-19. Una scelta corretta, visto che l’ereditiera era salita sul palco in un locale in cui l’assembramento era evidente, e il rischio di contagio non certo basso. Fortunatamente, il risultato ha dato però esito negativo, per la gioia dei suoi fan ma anche della stessa Lambo, che si è scatenata sui social!

Elettra Lamborghini: negativo il test del Covid-19

La cantante di La Isla si è voluta assicurare che tutto fosse in ordine, e si è quindi sottoposta al test per il Covid-19. Il risultato le è arrivato in pochi giorni, e l’artista ha voluto condividerlo con i fan nelle storie su Instagram. “Just to be sure“, ha scritto Elettra, “giusto per essere sicuri“. E l’esito ha scatenato la sua esultanza: “Covid Free“, e storia con la confezione del test sulle note di I Will Survive di Gloria Gaynor. “Non ce n’è Coviddi, non ce n’è“, ha ripetuto la Lambo, facendo il verso alla signora di Mondello diventata virale sui social. Un’esultanza che ha divertito tutti i suoi fan.

Elettra Lamborghini
Elettra Lamborghini

Elettra Lamborghini non ha il Coronavirus

Tutto è bene quel che finisce bene per Elettra, dunque, che dopo aver annullato il tour adesso potrà dedicarsi a un sano relax il più possibile distanziato dagli altri. La data del matrimonio, previsto per il mese di settembre, si avvicina. Ogni rischio adesso deve essere ridotto, per evitare uno slittamento che di certo manderebbe all’aria i suoi progetti!

Di seguito il video di La Isla, il suo tormentone:

TAG:
coronavirus Elettra Lamborghini

ultimo aggiornamento: 19-08-2020


Pago annuncia una collaborazione con Paolo Palumbo: “Mi ha scritto un brano splendido”

Storie di grandi star nate nella povertà