Follya: la carriera, la vita privata e tutte le curiosità sulla band conosciuta inizialmente con il nome di Dear Jack.

C’erano una volta i Dear Jack. C’erano, ma ora non più. A rimpiazzarli sono arrivati i Follya. Che poi sono sempre i Dear Jack, seppur non al completo, ma con una nuova identità pronta a conquistare i fan e a sorprendere gli scettici. Il ritorno nella vecchia band del frontman Alessio Bernabei ha portato a una vera rivoluzione all’interno del gruppo, che ha scelto di rilanciare completamente la propria immagine e la propria musica. Un modo per non dare punti di riferimento e tornare ad essere quella formazione che aveva lasciato tutti senza parole a inizio carriera. Riscopriamo insieme la storia di questa band già, a suo modo, storica.

Chi sono i Follya

I Follya sono gli ex Dear Jack quasi al completo. Alla voce è tornato Alessio Bernabei, che aveva lasciato il gruppo nel 2015. Alla chitarra c’è Francesco Pierozzi, al basso Alessandro Presti, alla batteria Riccardo Ruiu, tornato già nel 2017 dopo circa quattro anni d’assenza. Di fatto, a far posto al ritorno di Bernabei è stato l’addio di Lorenzo Cantarini.

Chitarra batteria e amplificatore
Chitarra batteria e amplificatore

Formatisi nel 2012 la prima volta per iniziativa di Pierozzi e Bernabei, i Dear Jack dopo aver inciso i primi brani in inglese entrano nel 2013 nella scuola di Amici di Maria De Filippi, in particolare all’interno della squadra blu di Miguel Bosé. Ammessi in finale, chiudono al secondo posto vincendo però il premio della critica.

Forti di questo successo, lanciano il loro primo album, Domani un altro film (prima parte) nel maggio 2014, raggiungendo subito un grandissimo successo, grazie anche a singoli come Ricomincio da me e La pioggia è uno stato d’animo:

Nel 2015 partecipano per la prima volta al Festival di Sanremo 2015 con il brano Il mondo esplode tranne noi, che anticipa il secondo album, Domani è un altro film (seconda parte). Chiudono l’avventura sul palco dell’Ariston al settimo posto.

Sulla cresta dell’onda, subiscono un brusco stop nel settembre 2015, quando Alessio Bernabei sceglie di lasciare il gruppo per dedicarsi alla sua carriera solista, ufficialmente di comune accordo con il resto dei componenti della band. Viene sostituito da Leiner Riflessi e con questo nuovo cantante la band si presenta a Sanremo nel 2016, senza ottenere grande successo. Pubblicano con Riflessi un nuovo album, ma nel 2017 scelgono di separare le proprie strade.

Si ripresentano nel mondo della musica nel 2018, stavolta con alla voce Lorenzo Cantarini, diventato il vero leader della band. In questo periodo provano a partecipare a Sanremo con Pierdavide Carone e con il singolo Caramelle, che viene però escluso da Claudio Baglioni, tra mille polemiche. Di fatto è l’ultimo grande atto dei Dear Jack.

Nel 2022, improvvisamente, si ripresentano infatti al pubblico con un nuovo nome, Follya, e con un nuovo vecchio cantante: Alessio Bernabei. L’artista torna a prendere le redini del band, con la conseguente uscita di Cantarini. Il loro primo singolo con questo nuovo nome è Morto per te:

Sai che…

– Il nome Dear Jack era tratto dal personaggio di Jack Skeletron, protagonista della pellicola cult Nightmare Before Christmas.

– Sono stati il primo gruppo ammesso ad Amici.

– Nel 2014 hanno inciso la sigla per la terza stagione della serie Rai Che Dio ci aiuti.

– Su Instagram i Follya hanno un account da decine di migliaia di followe.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

strillo

ultimo aggiornamento: 15-04-2022


Tutto su Luca Barbarossa, il bomber della Nazionale cantanti

Alla scoperta di Alessio Bernabei, dal bar… ad Amici!