Robert Miles: la carriera, la vita privata e le curiosità sul producer e compositore simbolo della dance e della trance italiana, famoso per la hit Children.

Robert Miles è stato un compositore e producer fondamentale per lo sviluppo della musica elettronica in Italia, e non solo. Un artista entrato nella leggenda e scomparso prematuramente a causa di un tumore. Andiamo a riscoprire alcune curiosità sulla sua carriera e la vita privata.

Chi era Robert Miles

Roberto Concina, questo il vero nome di Robert Miles, nacque a Fleurier, in Val-de-Travers (Svizzera) il 3 novembre 1969 sotto il segno dello Scorpione. Figlio di emigrati, fece ritorno in Italia da bambino, trasferendosi a Fagagna, in Friuli. Appassionato di musica fin da ragazzo, a 17 anni decise di abbandonare gli studi di tecnico elettronico per dedicarsi solo alla sua passione.

Consolle per dj
Consolle per dj

Grazie alle sue conoscenze, frutto del suo percorso di studi, realizzò una stazione radio e fece il suo esordio come dj utilizzando uno pseudonimo. Dopo le prime difficoltò, si trasferì a Londra, Los Angeles, Berlino e Ibiza per farsi conoscere e dare seguito alla sua carriera come disc jockey.

Raggiunse il successo nel 1996 grazie a un singolo ancora oggi tra i più amati di sempre: Children. Brano scritto e pubblicato per la prima volta nel 1994, divenne in poco tempo il simbolo della cosiddetta dream house e fu il terzo singolo strumentale più venduto del 1996. Riascoltiamolo insieme:

Il suo album Dreamland ottenne, grazie anche al singolo, un successo straordinario, vendendo milioni e milioni di dischi. Pubblicò nel 1997 il suo secondo album, 23am, e conquistò nel frattempo anche i suoi primi premi internazionali, come un Brit Award e un World Music Award. Proseguì quindi la sua carriera tra produzioni proprie e la fondazione di una nuova etichetta, la Salt Records.

Robert Miles: la morte

Robert morì prematuramente a soli 47 anni a Ibiza a causa di un tumore che gli era stato diagnosticato nove mesi prima.

Robert Miles: la discografia in studio

1996 – Dreamland
1997 – 23am 
2001 – Organik
2004 – Miles Gurtu
2011 – Th1rt3en

La vita privata di Robert Miles: moglie e figli

Sulla vita privata di Robert non si conoscono molti dettagli. Non sappiamo se avesse una moglie, ma quando morì lasciò purtroppo una figlia di 8 anni, oltre ai suoi amati genitori.

Sai che…

– Il suo primo pseudonimo fu Roberto Milani.

Children venne utilizzata nel 1996 anche come sigla del Festivalbar.

– Robert è l’unico italiano ad oggi ad aver vinto un Brit Award come Best International New Comer.

– Nel corso della sua carriera lavorò con artisti del calibro di Bill Laswell e Robert Fripp.

– La sua Children è tornata a risplendere nel 2020 grazie alla versione remix di Fedez, denominata Bimbi per strada. Di seguito il video:

Riproduzione riservata © 2023 - NM

ultimo aggiornamento: 03-11-2022


70 anni per Teresa De Sio, voce inimitabile della canzone popolare

Tutte le curiosità su Ema Stokholma, la speaker radiofonica più amata dagli italiani