John Mayer: la carriera, la vita privata e le curiosità sul celebre cantautore e chitarrista americano a metà tra pop, blues e soul.

Sono pochi i guitar hero, o presunti tali, arrivati al successo negli anni Duemila. Ancor meno quelli nati in un ambiente blues, prima di virare verso sonorità più commerciali. Tra questi il più famoso e probabilmente amato è John Mayer, l’ultimo grande bluesman bianco americano. Andiamo a scoprire alcune curiosità sulla sua carriera e la sua vita privata.

Chi è John Mayer: la biografia

John Clayton Mayer è nato a Bridgeport, in Connecticut, il 16 ottobre 1977 sotto il segno della Bilancia. Figlio di un’insegnante e un preside, inizia a suonare la chitarra all’età di 13 anni. La svolta della sua vita arriva quando, poco tempo dopo, un suo vicino di casa gli regala una musicassetta di Stevie Ray Vaughan: da lì nasce la sua passione per il blues. Dopo le prime esperienze liceali, a 19 anni si reca a Boston per studiare al Berklee College of Music, ritirandosi però un anno dopo per iniziare una carriera da musicista ad Atlanta.

John Mayer
FONTE FOTO: https://www.instagram.com/johnmayer

Sul finire degli anni Novanta pubblica il suo primo EP, ottenendo un grande successo di critica. Nel frattempo inizia a collaborare come turnista con gruppi come i Maroon 5 e i Counting Crows. Il suo vero e proprio album esordio, Room for Squares, esce nel 2001. Il successo è clamoroso: debutta nella top ten della classifica americana e vende oltre cinque milioni di dischi in tutto il mondo. A trascinare l’album è il singolo Your Body Is a Wonderland.

Forte di questi risultati, pubblica nel 2003 il secondo disco, Heavier Things, che debutta al primo posto in classifica in America. Il brano di maggior successo di questo disco è Daughters, che gli permette di vincere anche un Grammy per la canzone dell’anno nel 2005:

Forma quindi nel 2005 i John Mayer Trio, insieme a musicisti straordinari come il batterista Steve Jordan e il bassista Pino Palladino. Continuum, disco del 2006, è il disco della svolta blues e jazz, con ispirazioni che provengono dagli ascolti della sua adolescenza. Dopo questi grandi successi Mayer inizia una serie di collaborazioni che lo portano a contaminare il proprio stile: da Alicia Keys a Kanye West, John suona con tanti artisti differenti, portando sempre un contributo straordinario.

Collabora nel 2009 con Taylor Swift, nel brano Half of My Heart, presente nell’album Battle Studies. Si tratta di un nuovo grande successo nella sua carriera:

Negli ultimi anni, complice l’esplosione del successo di generi come il rap, la trap e il reggaeton, la carriera di Mayer ha leggermente frenato, ma ancora oggi John Mayer rimane un nome di primissimo piano per tutti gli amanti di musica pop rock, rock, blues e simili.

La vita privata di John Mayer: fidanzate

John è famoso non solo per le sue canzoni… ma anche per le sue fidanzate! Tra le sue fiamme ci sono tante attrici e cantanti famose, come Jennifer Love Hewitt, Jessica Simpson, Jennifer Aniston, Minka Kelly e Taylor Swift. Dal 2012 al 2014 ha inoltre avuto un’importante relazione con Katy Perry.

Sai che…

– Ha già venduto oltre 20 milioni di dischi.

– Tra i tanti premi ricevuti nella sua carriera ci sono anche sette Grammy Award.

– Ha suonato con leggende del mondo del blues come B.B. King ed Eric Clapton.

– Il suo primo gruppo si chiamava Villanova Junction, nome preso in prestito da un brano di Jimi Hendrix.

– A Boston ha studiato con il cantautore Gavin DeGraw.

– John Mayer è malato? No, ma nel 2011 si è dovuto curare per un granuloma accanto alle corde vocali.

– Quale chitarra usa John? Generalmente Paul Reed Smith o Fender Stratocaster. Di queste ultime non è raro vederlo con signature model non solo sue, ma anche di Jimi Hendrix, Stevie Ray Vaughan ed Eric Clapton.

– Su Instagram John Mayer ha un account ufficiale da milioni di follower in tutto il mondo.

FONTE FOTO: https://www.instagram.com/johnmayer

TAG:
John Mayer Rock

ultimo aggiornamento: 15-10-2020


Chi è Dixie D’Amelio, la tiktoker cantante di Be Happy

Chi è Gary Kemp, la mente degli Spandau Ballet