James Kottak: la carriera, la vita privata e tutte le curiosità sullo storico batterista di Scorpions e Kingdom Come morto a 61 anni.

Sia come turnista che come membro stabile, James Kottak è stato un artista in grado d’imprimere il proprio marchio sul sound di moltissimi gruppi tra i più amati della scena hard ‘n’ heavy degli ultimi, legando in particolare il suo nome per lungo tempo a quello degli Scorpions, probabilmente la band tedesca più amata al mondo (primato che si contende con i Rammstein). Scopriamo insieme alcune curiosità sulla carriera di un batterista di grande talento scomparso a soli 61 anni.

Chi era James Kottak: biografia e carriera

James Kottak nacque a Louiseville, in Kentucky, il 26 dicembre 1962 sotto il segno del Capricorno. Appassionato di musica fin da ragazzo, iniziò molto presto a suonare la batteria in diverse band americane di discreto livello, prima di ottenere la grande occasione della propria carriera ed entrare nei Montrose nella seconda metà degli anni Ottanta.

Bacchette batteria
Bacchette batteria

Il suo percorso nel gruppo di San Francisco non fu particolarmente lungo, ma venne integrato anche dal quasi contemporaneo ingresso nei Kingdom Come, band losangelina guidata da Lenny Wolf.

Diventato uno dei batteristi più richiesti della scena hard rock e heavy metal tra la fine degli anni Ottanta e tutti gli anni Novanta, ebbe modo di suonare anche con i Wild Horses o con un altro gruppo amatissimo dai fan del genere come i Warrant.

La sua avventura più prestigiosa e duratura è stata però senza alcun dubbio quella ventennale negli Scorpions. Assunto nel 1996, registrò tutti gli album del gruppo tedesco da Eye II Eye del 1999 a Return to Forever del 2015, venendo licenziato nel 2016 e sostituito da Mikkey Dee. A quanto trapela, sembra che a portare gli altri membri del gruppo alla scelta di allontanarlo fu un serio problema di alcolismo.

La morte di James Kottak

James Kottak è morto il 9 gennaio 2024. Il suo corpo è stato ritrovato privo di vita nella sua casa del Kentucky. Non si conoscono le cause del decesso, ma la notizia è stata confermata dagli stessi Scorpions con un commovente messaggio apparso su Facebook: “James era un essere umano meraviglioso, un grande musicista e un amorevole padre di famiglia… era nostro fratello, ci mancherà davvero“.

La vita privata di James Kottak: moglie e figli

James fece parlare non poco anche per la sua vita sentimentale. Sua moglie era infatti Athena Lee Bass, diventata poi Athena Kottak, batterista della sua band oltre che sorella minore di Tommy Lee, il celebe batterista dei Mötley Crüe. Dalla loro unione erano nati tre figli, Tobi, Miles e Matthew.

Leggi anche
Chi era James Kottak, l’ex batterista di Scorpions e Kingdom Come morto a 61 anni

Sai che…

– Diede vita anche a un progetto solista, i KrunK, poi diventati semplicemente Kottak.

– James fu arrestato in stato di ubriachezza nel 2014 presso l’aeroporto di Dubai, dopo aver molestato alcuni passeggeri in transito nell’area aeroportuale. Il batterista si trovava lì per cercare di raggiungere gli Scorpions, che avevano in programma un’esibizione al Gran Premio del Bahrein. Dopo l’arresto venne condannato a un mese di carcere per aver rivolto insulti all’Islam.

– Suonò anche in un album di tributo per i Led Zeppelin e per i Bon Jovi.

– Amava gli animali.

– Su Instagram James Kottak aveva un account seguito da migliaia di follower.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 10 Gennaio 2024 9:43


Chi era Sinéad O’Connor, la voce irlandese di Nothing Compares 2 U

Chi è Liberato? Tutte le curiosità sul cantante dall’identità segreta