Auguri a John Paul Jones: festeggiamo con le migliori canzoni dei Led Zeppelin

Le migliori canzoni dei Led Zeppelin, gruppo leggendario: da Whole Lotta Love a Kashmir.

Buon compleanno a John Paul Jones! Lo storico bassista e tastierista dei Led Zeppelin compie oggi 73 anni. Artista capace di scrivere pagine importantissime della storia della musica rock mondiale, John è stato ed è tutt’oggi un musicista sopraffino, tra i più richiesti anche per semplici collaborazioni o per tour.

D’altronde, oltre a essere un arrangiatore fantastico, John è capace di suonare praticamente ogni strumento: dal pianoforte alla chitarra, dal mandolino al flauto dolce, dal mellotron al violino. Insomma, è un uomo nato per la musica.

Per festeggiare il suo compleanno, ripercorriamo la carriera dei Led Zeppelin attraverso cinque dei loro capolavori.

Led Zeppelin: le canzoni migliori

Come si fa a scegliere solo cinque pezzi per descrivere la meravigliosa leggenda dei Led Zeppelin? La selezione è praticamente impossibile. Rimangono fuori canzoni straordinarie: da Communication Breakdown a Thank You, da Moby Dick a In My Time of Dying. Abbiamo optato per proporre qui alcuni dei brani più famosi del loro repertorio, canzoni che hanno contribuito alla creazione del loro incredibile sound, iscrivendoli nella storia del rock.

Riascoltiamoli insieme ancora una volta!

Led Zeppelin
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/ledzeppelin/

Led Zeppelin – Whole Lotta Love

Forse il brano più famoso degli Zeppelin insieme a Stairway to Heaven, Whole Lotta Love è una rielaborazione di You Need Love, un classico del ’62 del bluesman Muddy Waters, uno degli artisti preferiti della band. Il suo riff è diventato iconico nella storia dell’hard rock mondiale.

Di fatto, è stata la prima vera hit internazionale dei Led Zeppelin, capaci di raggiungere la prima posizione in Australia e Germania e di arrivare in top te sostanzialmente in tutto il mondo occidentale. Nel 2004 è stata classificata da Rolling Stone come il 75° miglior singolo della storia.

Riviviamo ancora una volta le emozioni uniche che Whole Lotta Love può regalarci:

Led Zeppelin – Immigrant Song

Pubblicata come singolo il 5 novembre 1970, Immigrant Song è tratta dal terzo album dei Led Zeppelin. Composta da Jimmy Page e Robert Plant durante un tour in Islanda, è divenuta famosa per il vocalizzo d’inizio strofa e il riff di chitarra ossessivo, che si ripete per tutto il brano.

Il testo racconta una storia di vichinghi, parlando proprio dalla visuale di questi ultimi, e ha di fatto creato un genere di liriche tipiche dell’heavy metal. Dal 1970 al 1972 venne scelta dal gruppo come canzone di apertura dei loro live.

Di seguito il video ufficiale di una loro performance dal vivo:

Led Zeppelin – Since I’ve Been Loving You

Registrata inizialmente per il loro secondo album, anche Since I’ve Been Loving You venne inserita nel terzo disco della formazione inglese. In questo pezzo John Paul Jones ha usato un organo Hammond suonando con i piedi un basso a pedali.

Il testo della canzone tratta l’amore per una donna che porta alla pazzia, un classico delle tematiche blues. Si tratta, a tutti gli effetti, del pezzo blues rock più celebre della band, e certamente uno dei più riusciti, grazie anche allo splendido lavoro alla chitarra di Jimmy Page, capace di scrivere un assolo meraviglioso.

Ascoltiamo insieme questo capolavoro:

Led Zeppelin – Stairway to Heaven

Più che una canzone, Stairway to Heaven è ormai un simbolo. Il simbolo più chiaro di cosa i Led Zeppelin sono stati: una formazione hard rock elegante e sopra gli schemi, capace di scrivere liriche poetiche e musiche di straordinaria intensità.

Tratto dal leggendario album Led Zeppelin IV, questo pezzo è ancora oggi uno dei più richiesti nelle stazioni radiofoniche, nonostante non sia mai stato pubblicato come singolo. Celebre anche il suo assolo di chitarra, considerato generalmente come uno dei migliori della storia.

Di questo splendido brano esistono numerose cover, anche di altro genere, come il reggae o il rap.

Riascoltiamola ancora una volta nella sua versione originale:

Led Zeppelin – Kashmir

Altro capolavoro assoluto, Kashmir venne definita da tutti e quattro i membri del gruppo come uno dei loro pezzi più riusciti. Secondo John Paul Jones, questa canzone metteva in risalto tutti gli elementi che avevano fatto dei Led Zeppelin i Led Zeppelin.

Contribuisce alla straordinarietà di Kashmir l’evidente influenza di musiche orientali, oltre che la presenza di trombe e violini a fare da accompagnamento in alcuni momenti. Uscita nel 1975, all’interno dell’album Physical Graffiti, divenne una colonna portante dei loro concerti fino all’anno del loro scioglimento.

Ci godiamo questa straordinaria esibizione live del quartetto britannico:

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/ledzeppelin/

ultimo aggiornamento: 02-01-2019