Chi è Eric Clapton: biografia, vita privata e curiosità su Slowhand

Eric Clapton, la ‘mano lenta’ del blues e del rock

Eric Clapton: la biografia, la vita privata e le curiosità sul mitico Slowhand, uno dei chitarristi più talentuosi della storia.

Presentare Eric Clapton come uno dei più grandi chitarristi della storia è probabilmente banale. Ma Eric è stato proprio questo, e non solo. Come autore ha saputo dar vita a brani straordinari e ad assoli leggendari. Come interprete ha ridato linfa a canzoni già note o finite nel dimenticatoio troppo presto.

Insomma, quando si parla di sei corde, non si può non parlare di Eric Clapton, il bluesman bianco più famoso della storia. Scopriamo insieme alcune curiosità sulla sua carriera e vita privata.

Chi è Eric Clapton: la biografia

Eric Patrick Clapton è nato a Ripley, in Inghilterra, il 30 marzo 1945 sotto il segno dell’Ariete. Suo padre era un soldato canadese tornato in patria definitivamente dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Eric non ha mai avuto modo di conoscerlo, ed è cresciuto con la nonna materna e il suo secondo marito, visto che la madre dopo la sua nascita si è trasferita in Germania insieme al suo nuovo marito, un altro soldato canadese.

Eric Clapton
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/pg/ericclapton

Il giovanissimo Eric riceve a 13 anni la sua prima chitarra acustica. Imparare a suonare non è semplice per Clapton, che è sul punto di abbandonare la sua carriera ancora prima di farla nascere. Ma la passione per il blues è più forte delle difficoltà e lo spinge a proseguire nel suo percorso.

Inizia a suonare da ragazzo per le strade, come solista, prima di entrare negli Yardbirds e poi nei Bluesbreakers di un certo John Mayall, la cui spinta si rivela decisiva.

Superata la metà degli anni Sessanta, conosce il batterista Ginger Baker e il polistrumentista Jack Bruce. Con loro fonda i Cream, un supergruppo leggendario, capace di dar vita a pezzi come Sunshine of Your Love.

Nonostante il grande successo, il gruppo si scioglie ancor prima di arrivare agli anni Settanta. Per Clapton la carriera va avanti ancora con Ginger Baker e con l’amico Steve Winwood: nascono i Blind Faith, un nuovo supergruppo che dà alle stampe un solo album prima di sciogliersi.

Dopo una nuova breve parentesi nei Delaney & Bonnie, Eric lancia il suo primo album solista, prima di fondare i Derek & The Dominos. Con questa formazione l’artista pubblica il celebre album Layla and Other Assorted Love Songs, nel quale spicca la famosa Layla:

Negli anni Settanta, dopo la morte dell’amico Duane Allman (membro dei Derek), Clapton attraversa un periodo difficile e diviene schiavo della droga. Con il sostegno di amici e familiari, l’artista riesce a riprendersi e dà vita alla sua vera carriera solista con l’album 461 Ocean Boulevard.

Prosegue nel suo percorso solista per tutti gli anni Ottanta. Negli anni Novanta cambia registro stilistico per tornare al blues. Negli anni Duemila alterna produzioni più vicine al pop a dischi di puro blues.

Cosa fa oggi Eric Clapton? Dopo aver lanciato nel 2018 il suo primo disco di canzoni natalizie, è alle prese con le ultime esibizioni della sua carriera, rallentata di colpo per via di una malattia che lo ha colpito: la neuropatia periferica.

Di seguito Eric Clapton in Cocaine, uno dei suoi brani più famosi, scritto in origine da J. J. Cale:

La vita privata di Eric Clapton: moglie e figli

Dal punto di vista della vita sentimentale, il buon Eric non si è fatto mancare nulla. È stato sposato per dieci anni con Pattie Boyd, già partner di uno dei suoi migliori amici, George Harrison.

Ha avuto quindi una relazione con Lory Del Santo, dalla cui unione è nato anche un bambino, Conor, il 21 agosto 1986. Purtroppo il 20 marzo del 1991 il piccolo si è gettato da una finestra lasciata aperta da una domestica, morendo sul colpo. Il trauma ha separato le vite di Eric e Lory, e ha ispirato uno dei suoi brani più belli: Tears in Heaven.

La moglie di Eric Clatpon è dal 2002 Melia McEnery. Dalla loro relazione sono nate quattro figlie: Julie Rose, Ruth, Ella May e Sophie Belle.

9 curiosità su Eric Clapton

-Eric Clapton è alto 1 metro e 77.

-Il suo soprannome è Slowhand e deriva dal fatto che da giovane fosse particolarmente lento a cambiare le corde della chitarra.

-Nel 1966, dopo la pubblicazione dell’album Bluesbreakers with Eric Clapton, nella metro di Londra comparve una scritta leggendaria: Clapton is God.

-La morte del ‘rivale’ Jimi Hendrix lo sconvolse. Per tanto tempo, mentre suonava con i Derek, Eric aprì i concerti con la celebre Little Wing.

-Nel 1989 incise l’assolo di A Wonderful World, brano di Zucchero presente nell’album Oro, incenso e birra.

-Nel giugno 2011 ha suonato con Pino Daniele nello stadio di Cava de’ Tirreni.

-Dal 2016 ha rivelato di essere affetto da neuropatia periferica, una patologia di carattere degenerativo che lo sta portando a limitare i suoi movimenti.

-Eric Clapton è una leggenda vivente. Non a caso, può fregiarsi di essere l’unico musicista ad essere stato inserito tre volte nella Rock and Roll Hall of Fame, come solista ma anche come membro degli Yardbirds e dei Cream.

-Su Instagram Eric Clapton non ha alcun account ufficiale.

Una versione di I Shot the Sheriff di Eric Clapton:

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/pg/ericclapton

ultimo aggiornamento: 29-03-2019