Chi è DJ Jad, l’altra metà degli Articolo 31

DJ Jad: la carriera, la vita privata e le curiosità sul disc jockey milanese degli Articolo 31, uno dei pionieri della musica hip hop in Italia.

A suo modo, DJ Jad ha impresso per sempre il suo nome nella storia della musica hip hop in Italia. Un sogno realizzato, se vogliamo. Insieme a J-Ax ha infatti formato gli Articolo 31, uno dei gruppi di maggior successo nella storia del genere.

Eppure, DJ Jad è molto di più che una semplice spalla di J-Ax. Ecco alcune curiosità sulla sua carriera per conoscere meglio un personaggio di grande talento e immensa coerenza.

Chi è DJ Jad

Vito Luca Perrini è nato a Bollate, in provincia di Milano, il 27 dicembre 1966 sotto il segno del Capricorno. Fin da bambino si appassiona alla nascente musica rap, seguendola nel suo sviluppo americano (e quindi internazionale).

J-Ax e DJ Jad
Fonte foto: https://www.facebook.com/jaxofficial/

Inizia a realizzare il suo sogno di entrare in questo mondo quando forma con J-Ax gli Articolo 31, tra i primi artisti a realizzare un disco hip hop in Italia e in italiano. Il primo singolo del duo esce nel 1992 e s’intitola Sei quello che sei. Anticipa l’album Strade di città del 1993:

L’anno dopo è il turno di Messa di Vespiri, disco che contiene una delle hit più famose del duo: Ohi Maria. Il successo si ripete nel 1996 con l’album Così com’è.

Due anni più tardi è la volta dell’album Nessuno e del singolo La fidanzata, che vale al duo la vittoria agli MTV Europe Music Awards. Nel 1999 esce l’ultimo album classico degli Articolo, Xché sì, in cui compare come ospite anche il leggendario Kurtis Blow.

Con il nuovo millennio il duo svolta verso un pop rock che non viene apprezzato dai fan di vecchia data, ma che rimane più che godibile. Ne è prova il successo del disco Domani smetto e del successivo L’italiano medio, rispettivamente nel 2002 e nel 2004.

Dopo la fine del rapporto con J-Ax, non senza un minimo di strascico polemico, DJ Jad inizia la sua carriera solista con una doppia compilation, Back on Track del 2005.

Il suo primo album solista arriva l’anno dopo e s’intitola Milano-New York, un progetto che lo vede collaborare con artisti come Keith Murray e Tony Touch. Di seguito il singolo This Feeling:

Il suo secondo lavoro solista esce nel 2010 e s’intitola Il sarto. Anche in questo caso le collaborazioni non mancano, ma stavolta sono per la gran parte di casa nostra. Tra gli altri troviamo Ensi, DJ Enzo e Cor Veleno.

Collabora quindi nello stesso anno con Fabrizio Moro e Jarabedepalo nel brano Non è una canzone, presentato sul palco del Festival di Sanremo. Il suo terzo album esce l’anno dopo: si chiama Instrumental e ovviamente contiene solo brani strumentali.

Bisogna attendere qualche anno per Beat in My Soul, il suo quarto disco. Nel frattempo la sua carriera ha subito una nuova svolta. Dal 2012 ha iniziato infatti una collaborazione con il rapper Ciccio Pasticcio. I due si fanno chiamare gli Udite Suoni Buoni. Insieme danno alla luce un solo album, L’astronave, nel 2013. Di seguito il singolo Ora che:

Chiusa anche questa parentesi, nel 2018 DJ Jad è tornato ad accompagnare J-Ax, dando vita a una reunion degli Articolo 31 che ha fatto la felicità di tutti i loro fan.

Sai che…

-Sulla vita privata di DJ Jad si conoscono pochi dettagli. Non è certo un personaggio mondano, e anche sui social evita di mostrare foto con gli amori della sua vita… eccetto la musica hip hop!

-Fin dal 1979 si è appassionato alla black music, ascoltando artisti come Whodini e Run D.M.C.

-Ha lanciato nel 2006 il progetto Salviamo il vinile, per evitare la morte del supporto fisico causata dall’esplosione della musica digitale.

-Il suo soprannome, Il sarto, gli è stato dato da un suo amico di New York che ha iniziato a chiamarlo scherzosamente ‘the tailor’ perché cuce su misura la musica ‘addosso’ al rapper con cui lavora.

-Su Instagram DJ Jad ha un account da oltre 25mila follower.

Di seguito Questa estate di DJ Jad:

Fonte foto: https://www.facebook.com/jaxofficial/

ultimo aggiornamento: 12-06-2019