Born to Run, quarant’anni fa la svolta di Bruce Springsteen

Perché i Green Day si chiamano così?

Bruce Springsteen con “Born to Run” diventò il Boss.

Il 25 agosto del 1975 con l’uscita di Born to Run, Bruce Springsteen ottenne la consacrazione in terra americana e finalmente anche oltre oceano. Born to Run fu il cambiamento per Bruce Springsteen, grazie al supporto della mitica E Street Band, e non solo, risultò più energico, emozionante, più roccioso. Con testi più poetici rispetto ai precedenti l’ album portò Bruce Springsteen ad essere riconosciuto da un pubblico molto più ampio. Per produrre l’album Bruce Springsteen impiegò più di un anno, con sedute estenuanti in sala di registrazione.

Grazie a una campagna promozionale imponente e a una cospicua somma investita dall’etichetta discografica, la Columbia Records, portò Born to Run, immediatamente nella top ten americana dell’epoca.

La copertina di Born to Run firmata dal fotografo Eric Meola, rappresenta la storia della storia del rock, alla pari della copertina di London Calling dei Clash, ci vollero più di 900 scatti per trovare quello giusto.

bruce springsteen cover album
Il terzo album di Bruce Springsteen nel 2003 venne inserito dalla rivista Rolling Stone, al 18 posto tra i 500 dischi più importanti di sempre.

Tracklist Burn to Run:

Thunder Road
Tenth Avenue Freeze Out
Night
Backstreets
Born To Run
She’s The One
Meeting Across The River
Jungleland

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 25-08-2015

Redazione Notizie Musica