AC/DC, debutto nell’alta moda

Perché i Green Day si chiamano così?

Gli AC/DC, nonostante siamo sempre stati restii nel cedere il proprio logo, hanno deciso di prestarsi alla nota marca Gucci per la realizzazione degli abiti per la collezione autunnale, entrando ufficialmente nell’alta moda

Finalmente ci siamo: nonostante il gruppo musicale sia sempre stato restio su questo punto, gli AC/DC hanno deciso di cedere la licenza alla nota marca Gucci per la realizzazione di capi d’abbigliamento, il tutto in vista della collezione autunnale. Un passo deciso della band verso un nuovo campo, ossia quello dell’alta moda: il gruppo musicale, in questo modo, avrà la possibilità di aumentare la propria notorietà anche attraverso altri canali, tra i quali quello del vestiario.

Una collaborazione di vecchia data

La collaborazione nata tra gli AC/DC ed il noto marchio Gucci non deve affatto sorprendere: la cessione della licenza, infatti, era stata già ipotizzata nello scorso Febbario, con la band musicale che aveva deciso, a suo tempo, di entrare nell’alta moda. Una decisione dovuta al fatto che il marchio Gucci volesse, in un certo qual modo, unire il mondo della moda con quello della musica, creando un qualcosa di unico e mai visto prima d’ora.

L’epoca del rinascimento

L’idea di acquistare la licenza da parte degli AC/DC è dipesa dalla voglia del noto marchio Gucci di fare un deciso salto indietro nel passato: unendo la moda e la musica, infatti, si vuole ricreare un epoca rinascimentale, ispirata esclusivamente al rock n’roll. Una decisione decisamente originale che ha spinto il gruppo musicale ad accettare questa proposta, nonostante la band sia sempre stata in disaccordo su questo genere di accordi. Negli ultimi anni, però, il loro pensiero si è notevolmente evoluto sulla faccenda, con la cessione della licenza che è divenuto oggetto di dibattito più di una volta, fino a diventare una proposta accettabile anche per il gruppo stesso.

 

 

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 17-04-2016

Mario Sorbo

Per favore attiva Java Script[ ? ]