Danny Boyle dirigerà una serie televisiva sui Sex Pistols: sarà basata sulle memorie di Steve Jones, chitarrista della band simbolo del punk inglese.

La straordinaria storia dei Sex Pistols sta per essere raccontata in una serie televisiva. L’annuncio è arrivato in questi primi giorni del 2021, come riferito da Repubblica. Prodotta da FX e girata dal regista premio Oscar Danny Boyle, si baserà sulle memorie di Steve Jones, il chitarrista del gruppo più eversivo di tutti i tempi, simbolo del punk britannico. L’inizio delle riprese è previsto per il 7 marzo.

Una serie tv sui Sex Pistols

La serie s’intitolerà Pistol e vedrà nei panni di Jones Toby Wallace (The Society). John Lydon, o meglio Johnny Rotten, sarà invece interpretato da Anson Boon (Blackbird). Fabien Frankel (Last Christmas) sarà Glen Matlock, mentre Jacob Slater interpreterà il batterista Paul Cooke.

Danny Boyle
Danny Boyle

E il famigerato Sid Vicious? Il ruolo forse più atteso è andato a Louis Partridge (Enola Holmes, I Medici). Farà parte del cast anche Emma Appleton, nei panni di Nancy Spungen, la fidanzata di Sid.

Spiega il regista Boyle: “Racconteremo il momento in cui la società e la cultura inglesi sono cambiati per sempre. È questo il punto di detonazione della cultura inglese di strada, in cui gente comune poté avere un palco su cui sfogare la propria furia e mostrare il proprio stile, e non si poteva fare a meno di guardarli e di starli a sentire, potevi averne paura o avere il desiderio di seguirli, ma non potevi ignorarli“.

Sex Pistols: le memorie di Steve Jones

Alla base della sceneggiatura, che racconterà l’ascesa ma anche il tracollo della band, ci saranno le memorie del chitarrista Steve Jones. Si partirà dai primi passi nel negozio Sex di Vivienne Westwood e Malcolm McLaren, fino all’exploit del loro primo e unico album, il celebre Never Mind the Bollocks.

Di seguito il video della loro hit God Save the Queen:

TAG:
Rock Sex Pistols strillo

ultimo aggiornamento: 12-01-2021


Mr. Rain annuncia il suo nuovo album Petrichor

Le star della musica inglese insorgono contro la Brexit