Ermal Meta a Sanremo 2021 con Un milione di cose da dirti: il significato del nuovo brano e la storia del cantante al Festival della canzone italiana.

Non ha ancora 40 anni (li compirà ad aprile), ma Ermal Meta a Sanremo 2021 sarà uno degli artisti più esperti in gara. E non solo per la vittoria conquistata con Fabrizio Moro nel 2018. Artista di grandissimo spessore, il cantautore di origini albanesi presenterà il suo nuovo brano Un milione di cose da dirti, con l’ambizione di puntare ai primi posti e contemporaneamente di promuovere il suo nuovo album.

Ermal Meta, Un milione di cose da dirti: il significato

Lo avevamo lasciato con l’inno pacifista Non mi avete fatto niente. Ermal nel 2021 torna a Sanremo da solista con un brano di tutt’altro genere: una classica, ma di certo non scontata, canzone d’amore.

Ermal Meta
Ermal Meta

Parlando del significato di Un milione di cose da dirti, l’artista di Fier ha dichiarato: “La canzone che porto al Festival è una canzone d’amore. Adesso raccontare di cosa parla una canzone è molto difficile. È una semplicissima canzone d’amore. Le sonorità del brano non sono particolarmente definite, è una canzone molto rarefatta, quindi non saprei cosa dire… poi la musica è fatta per le orecchie non per le parole“.

Ermal Meta a Sanremo

La storia di Ermal al Festival è lunga e ricca di sfaccettature. La sua primissima esperienza nell’ambito della kermesse risale al 2006, quando partecipò addirittura tra le Nuove Proposte con un gruppo, gli Ameba 4, venendo però eliminato durante la prima serata. Il pezzo presentato era Rido… forse mi sbaglio:

Da un gruppo a un altro. Tornò al Festival con La fame di Camilla, che presenta nella categoria Giovani il brano Buio e luce. Anche stavolta l’avventura non si rivelò particolarmente fortunata e la band venne eliminata prima delle fasi finali.

Tralasciando le partecipazioni come autore, Ermal tornò quindi sul palco dell’Ariston nel 2017, per la prima volta tra i Big, con un brano destinato a cambiare la sua carriera: Vietato morire. Arrivò a sorpresa al terzo posto e conquistò il premio della Critica Mia Martini, dando uno schiaffo morale ai propri detrattori:

Forte di questo successo, tornò subito sul palco dell’Ariston, nel 2018, stavolta in collaborazione con un suo grande amico, Fabrizio Moro. I due presentarono il brano Non mi avete fatto niente, e vennero da subito additati come i favoriti per la vittoria finale. Detto, fatto. La coppia si impose nella classifica finale e ben figurò anche all’Eurovision, arrivando al quinto posto:

Ormai amatissimo da fan di diverse età e generazioni, Ermal è uno degli artisti dal curriculum più ricco a Sanremo 2021. E forse, tra i Big davvero esperti, è quello che le migliori chance di arrivare in alto in classifica, ripercorrendo in un certo senso le orme di Gabbani nel 2020. Magari non vincerà, ma potrebbe finire sul podio.

TAG:
ermal meta Sanremo strillo

ultimo aggiornamento: 11-01-2021


David Bowie: cinque personaggi che lo hanno trasformato in un’icona

In arrivo una serie sui Sex Pistols diretta dal premio Oscar Danny Boyle