Michael Gracey, regista di The Greatest Showman, girerà il biopic su Robbie Williams, popstar internazionale ed ex membro dei Take That.

Il regista di The Greatest Showman, Michael Gracey, dirigerà Better Man, il biopic sulla vita e l’ascesa, nel panorama musicale, di Robbie Williams, diventato una vera e propria celebrità, dopo aver lasciato i Take That. Il film esplorerà le esperienze che lo hanno reso ciò che è e i demoni con cui ha combattuto dentro e fuori dal palco mentre diventava una grande star grazie alle canzoni con l’ex gruppo e al successo da solista.

Robbie Williams, in arrivo un biopic sull’ex Take That

Michael Gracey ha scritto la sceneggiatura del progetto con Oliver Cole e Simon Gleeson. Inoltre, il regista sta producendo il biopic su Robbie Williams con Jules Daly e Craig McMahon, la cui produzione dovrebbe iniziare quest’estate. Le canzoni di successo dell’artista saranno introdotte nella pellicola.

Robbie Williams
Robbie Williams

Gracey ha rivelato che il film è nato dopo ore di conversazioni con Robbie, il quale è rimasto senza parole nell’apprendere come sarebbe stato rappresentato sul grande schermo.

Il video di Feel:

Il regista ha detto a Deadline: “Per quanto riguarda il modo in cui rappresentiamo Robbie nel film, quella parte è top secret. Voglio farlo in un modo davvero originale. Ricordo di essere andato al cinema da bambino e c’erano film che mi hanno lasciato senza fiato e mi hanno fatto dire, mentre ero seduto al cinema, ‘Non l’ho mai visto prima. ‘ Voglio solo che il pubblico abbia quella sensazione“.

E ha aggiunto: “Tutto quello che posso dire è che l’approccio è top secret, ma l’obiettivo è generare quella sensazione che ho appena descritto. È questa storia fantastica e voglio rappresentarla nella sua dura realtà, fino ai momenti di pura fantasia”.

Dai Take That alla esplosiva carriera da solista

Il cantautore britannico è diventato famoso da adolescente nei Take That, ma dopo aver lasciato la boy band nel 1995 la sua carriera è davvero esplosa come artista solista con successi come Angels, Rock DJ e Let Me Entertain You e il regista è entusiasta di raccontare la storia di un “uomo qualunque“.

Ha spiegato: “A differenza di alcune persone che sono nate prodigi o geni della musica e tu ne segui la narrativa comprendendone la loro genialità, non si tratta di una storia del genere“.

Robbie è quell’uomo qualunque, che ha semplicemente sognato in grande e ha seguito quei sogni che lo hanno portato in un posto incredibile. Per questo motivo, la sua è una storia incredibilmente riconoscibile. Non è il miglior cantante o ballerino, eppure è riuscito a vendere 80 milioni di dischi in tutto il mondo“, ha sottolineato il cineasta.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 28-02-2021


Rino Gaetano e i vizi dell’Italia: il significato di Gianna

Sanremo Story: tutte le volte di Tiziano Ferro sul palco dell’Ariston