Bruce Springsteen viene, spesso, definito The Boss. Ecco l’origine del soprannome conferito alla super star della musica mondiale.

Bruce Springsteen si è giustamente guadagnato il soprannome di The Boss. Apparentemente è una perfetta unione della sua posizione nel mondo della musica e di come ha suonato secondo le sue regole per quasi mezzo secolo con grande successo. Anche se il soprannome sembra rappresentarlo nell’industria musicale, la vera origine di come è nato il soprannome non è così affascinante come si potrebbe presumere.

Bruce Springsteen
Bruce Springsteen

Bruce Springsteen, un boss della musica

Springsteen è sempre stato un leader e non accetta compromessi da nessuno. Oltre ad arrivare sulla scena rock negli anni Settanta e riuscire ancora ad attirare la massa circa 50 anni dopo, il cantautore si è guadagnato il soprannome di The Boss. Lungi dall’essere il classico colletto bianco in un ufficio di cui non ti è mai permesso di vedere l’interno, Springsteen era l’operaio, felice di condividere una birra, uno scherzo e sicuramente una canzone.

Il video di Born To Run:

Era un capo con cui ognuno di noi poteva dialogare e divenne il capo delle persone che, a loro volta, si innamorarono del suo marchio musicale onesto. Springsteen ha trascorso il suo tempo sotto i riflettori sfornando alcuni degli album più amati del rock, dimostrando di essere un autore di canzoni di talento, in grado di fondere le sue radici rock ‘n’ roll con ballate sincere e intenti poetici.

Fuori dal palco, ha preso parte a varie iniziative di beneficenza, rimanendo, così, un uomo del popolo. È facile capire dall’esterno perché si chiama The Boss, ma non è così che è iniziato.

Da dove proviene il soprannome The Boss?

In qualità di protagonista della E Street Band, Springsteen non era solo l’uomo sotto i riflettori e la voce del gruppo sul palco, era il proverbiale leader della band. Raccoglieva i soldi dai locali e pagava la band. Attraverso questo semplice atto, ha ottenuto il suo soprannome duraturo, ma ha fatto anche molto per mantenerlo.

Andrew Delahunty, autore di diversi libri sull’argomento, tra cui l’Oxford Dictionary of Nicknames, ha raccontato alla BBC nel 2009 di come Springsteen fosse diventato The Boss. “Nei primi giorni in cui lui e la E-Street Band suonavano concerti in piccoli locali, era compito di Bruce raccogliere i soldi e pagare il resto della band“, dice Delahunty. “Ciò li ha spinti a chiamarlo The Boss, un soprannome che gli è rimasto“.

Questo soprannome è poi stato usato anche dal pubblico, dopo l’uscita di Born To Run, quando Springsteen diventò una star e la stampa musicale iniziò a scavare nella sua storia per saperne di più su di lui. Una volta scoperto come lo chiamavano i suoi compagni di band, il suo soprannome fu immediatamente integrato nei loro articoli e, senza il permesso di Bruce, tutti lo iniziarono a chiamare The Boss. Il resto è leggenda.

TAG:
Bruce Springsteen

ultimo aggiornamento: 06-02-2021


Da Nunzio Filogamo ad Amadeus: tutti i presentatori del Festival di Sanremo

Il meglio dei Guns N’ Roses in cinque canzoni leggendarie