È morto Mario, il proprietario del locale storico cantato da Luciano Ligabue: aveva 80 anni.

Un tremendo lutto ha sconvolto Luciano Ligabue: è morto Mario Zanni, lo storico gestore del Bar Mario, il locale cantanto dall’artista di Correggio in molte delle sue canzoni. Come riferito da molte testate locali, l’uomo è scomparso in seguito ad alcune complicazioni legate a diversi problemi fisici. Nonostante non fosse legato direttamente al mondo della musica, anche Mario a suo modo era entrato nella storia della musica italiana grazie ai tanti pezzi classici di Ligabue.

Morto Mario, il barista cantato da Ligabue

Lo storico Bar Mario è uno dei locali che fa da sfondo alle canzoni storiche del rocker di Correggio. Un locale talmente amato dai fan del Liga, da diventare meta di pellegrinaggio anche dopo il cambio gestione.

Luciano Ligabue
Luciano Ligabue

Il Bar Mario, oltre a dare il nome all’omonimo singolo lanciato insieme ad Anime in plexiglass nel 1988 e poi inserito anche nell’eponimo album di debutto del rocker del 1990, viene citato anche in brani come Walter il mago, I duri hanno due cuori e soprattutto la celebre Certe notti. Di seguito il video ufficiale di quest’ultimo brano:

Mario Zanni in Radiofreccia

Lo storico barista era stato anche fonte d’ispirazione per uno dei personaggi del film Radiofreccia, il film girato da Luciano nel 1998. In particolare, Mario era interpretato nell’occasione da Francesco Guccini, nei panni del proprietario del bar Laika, Adolfo, il personaggio che fa scoprire ai protagonisti della pellicola le radio libere.

Si tratta dunque di una figura di fondamentale importanza nell’opera di Ligabue, un amico speciale e un simbolo dell’età in cui ha formato la sua carriera. E sui social Liga lo ha voluto salutare con queste parole in un post social: “Ciao Marietto. Grazie. Ora riposati“.

TAG:
luciano ligabue people

ultimo aggiornamento: 13-07-2020


Un nuovo uomo nella vita di Anna Tatangelo? La cantante rompe il silenzio

Paura per Ghali: fan 22enne entra in casa e tenta di aggredirlo