James Levine è morto: addio al direttore d’orchestra storico del Metropolitan, licenziato nel 2018 dopo le accuse di molestie.

Lutto nel mondo della musica orchestrale. È morto James Levine, uno dei più importanti e influenti direttori d’orchestra al mondo. L’uomo si è spento a 77 anni a Palm Springs, in California, come confermato dal suo medico Len Horovitz al New York Times. Resta ancora segreta la causa del decesso. Artista di fama internazionale, per oltre 40 anni era stato direttore d’orchestra della Metropolitan Opera Orchestra di New York.

Morto il direttore d’orchestra James Levine

Direttore d’orchestra famoso e stimato in tutto il mondo, Levine era stato per oltre 40 anni la guida dell’orchestra del Metropolitan di New York, venendo però licenziato nel 2018 dopo delle brutte accuse di molestie sessuali.

Direttore d'orchestra
Direttore d’orchestra

In seguito a un’inchiesta l’uomo venne trovato colpevole di molestie e abusi ai danni di diversi ragazzi. In particolare, tre uomini avevano confessato di aver subito delle avance dal direttore quando erano solo dei teenegar. Si tratta di fatti che risalgono a diversi anni fa, a partire dagli anni Settanta, ma che erano venuti alla luce sono nel 2016.

Chi era James Levine

James Lawrence Levine era nato il 23 giugno 1943 a Cincinnati. Considerato universalmente uno dei più talentuosi direttori d’orchestra al mondo, apprezzatissimo per il suo lavoro al Metropolitan ma anche come direttore della Boston Symphony Orchestra.

Nato e cresciuto in una famiglia di musicisti, fin da piccoli era stato spinto a imparare a suonare. Aveva scelto il pianoforte, dimostrandosi fin da subito un bambino prodigio, con tanto di primo concerto a 10 anni, per poi passare alla direzione, seguendo le orme del suo maestro Jean Morel. Terminati gli studi, aveva avviato la sua carriera, diventando prima apprendista e poi direttore d’orchestra nel 1970 per l’Orchestra Sinfonica di Filadelfia. Il debutto a New York avvenne nel 1971. Il successo fu tale da portarlo a conqusitare presto la fama mondiale. Aveva collaborato anche con il nostro Franco Zeffirelli per il film La Traviata.


Ermal Meta stronca Barbara D’Urso e il Grande Fratello!

Elodie pazza di Marracash: “Ecco perché credo che sia l’uomo della mia vita”