È morto Erriquez, Enrico Greppi, cantante e anima della Bandabardò: aveva 60 anni e da molto tempo era malato. Lo ha annunciato una sua lettera sul sito della band.

La musica italiana versa lacrime per la scomparsa di Enrico Greppi: è morto Erriquez, cantante, voce e anima della Bandabardò. Ad annunciarlo è stata la stessa band fiorentina, pubblicando sul proprio sito internet una lettera firmata dallo stesso cantautore e poeta. “Ogni storia ha una sua vita e ogni vita ha mille storie. La mia vita è stata musica che accade, incontri di popoli, magie, racconti, mille soli splendenti e vento in faccia“, scrive l’artista, scomparso a 60 anni a causa di un brutto male.

È morto Erriquez della Bandabardò

A dare notizia della morte era stato lo stesso manager del musicista, Francesco Barbaro, nella mattinata del 14 febbraio. Da tempo Enrico combatteva con un male, ma aveva voluto lottare in gran segreto, tenendo fede alla sua riservatezza e alla sua storia artistica. Lascia la moglie e un figlio, Rocco, a sua volta musicista.

chitarra acustica
chitarra acustica

Erriquez rappresentava al meglio lo spirito della Bandabardò, uno dei più longevi gruppi folk italiani, che da poco aveva festeggiato i 25 anni di carriera con un evento al Mandela Forum di Firenze insieme a tanti amici. Per l’occasione avevano inciso nuovamente il loro inno Se mi rilasso collasso con tanti artisti e colleghi. Da sempre impegnato nel sociale, Enrico aveva speso gran parte della sua carriera sposando le cause dei più deboli.

Chi era Erriquez, Enrico Greppi della Bandabardò

Non ho rimorsi, non ho rimpianti. La mia vita è stata tutta un’avventura“, ha scritto nella sua lettera d’addio il grande Greppi. Una lettera commovente, sentita, ironica, lo specchio di quello che Erriquez è stato in tutta la sua fantastica esistenza.

Racconta lo stesso Greppi: “Finalmente, dopo tanto inutile errare, ho trovato la donna perfetta e l’ho sposata, rendendola mia per sempre, la mia compagna di vita, di viaggio e di sogni, la mia migliore amica, la mia donna, mia moglie Silvia a cui devo tanto, a cui devo tutto. Sono padre felice di un figlio strepitoso, il migliore che si possa desiderare, con il sorriso più bello del mondo“. In conclusione anche un lungo saluto alla sua Banda del cuore, una meravigliosa creatura con cui ha scritto pagine di storia. Di seguito il post:

TAG:
strillo

ultimo aggiornamento: 14-02-2021


Sanremo: tutte le polemiche e gli scandali nella storia del Festival

Sanremo Story: le cinque canzoni che hanno vinto il premio per le Cover