Mara Sattei, Scusa: il significato e tutti i dettagli sul primo singolo ufficiale della cantante, prodotto dal fratello tha Supreme.

Mara Sattei parte (o riparte) da Scusa. La cantante romana classe 1995 ha lanciato il suo primo singolo ufficiale. Prodotto dal fratellino, tha Supreme, è il brano che riporta in radio una delle artiste più originali e rispettate della nostra attuale scena pop/R&B/hip hop. Negli scorsi anni il pezzo era stato anticipato dalle tante ‘registrazioni’ diventate un cult tra i suoi fan.

Mara Sattei: il significato di Scusa

Del suo nuovo pezzo ha parlato la stessa cantautrice romana, spiegandone il significato: “Scusa è una parola breve e concisa, ma con una risonanza enorme nella mia testa, che mi ricorda tutte quelle volte in cui ho fatto fatica a pronunciarla o scriverla, ma che ha successivamente cambiato la storia della mia vita in tanti punti“.

Mara Sattei e tha Supreme
FONTE FOTO: https://www.instagram.com/mara.sattei/?hl=it

Prosegue l’artista parlando della sua Scusa: “Sì, chiedere ‘scusa’ mi ha aiutata a chiudere tanti capitoli, ma allo stesso tempo ad iniziarne tanti altri ancora più belli. Saper chiedere scusa ci rende liberi“. Andiamo ad ascoltare insieme questo primo singolo:

Mara Sattei: dalle registrazioni alle collaborazioni

Con Scusa Mara dà il via a una nuova vita artistica ufficiale, dopo aver già pubblicato negli scorsi anni tre tracce da oltre 26 milioni di ascolti: Nuova registrazione 326, Nuova registrazione 402 e Nuova registrazione 527, degli sfoghi in musica prodotti sempre dal fratellino tha Supreme.

In questi mesi ha poi collezionato circa 175 milioni di stream grazie alle tante collaborazioni di prestigio: da quella con tha Supreme in m12ano, ad Altalene con Coez per il mixtape BV3, senza dimenticare Dilemme Remix, che l’ha vista lavorare con Lous and the Yakuza e Spigoli, altro successo ma con Carl Brave.

FONTE FOTO: https://www.instagram.com/mara.sattei/?hl=it

TAG:
Mara Sattei

ultimo aggiornamento: 09-04-2021


Roger Waters annuncia il ritorno in tour nel 2022: “Suonerò i pezzi dei Pink Floyd”

La matematica dei rami di Max Gazzè, un disco di nostalgica maturità