Maneskin con i Rolling Stones: la band ha aperto il concerto delle leggende del rock allo stadio di Las Vegas.

L’ascesa dei Maneskin li ha portati a toccare vette inimmaginabili fino a pochi mesi fa. Dopo aver vinto Sanremo, l’Eurovision e aver conquistato le classifiche di tutto il mondo, il 6 novembre la band italiana ha aperto un concerto a Las Vegas dei Rolling Stones. Un onore che pochissimi artisti possono vantare nella loro carriera. Brividi ed emozioni che rimarranno per sempre impressi nella mente e nel cuore un gruppo in grado di portare il vessillo del rock italiano per la prima volta dagli anni Settanta ai vertici delle classifiche di tutto il mondo.

The Rolling Stones
The Rolling Stones

I Maneskin aprono per i Rolling Stones: le parole di Mick Jagger

Prima di andare avanti, questo è il nostro primo stadio ed è un onore per noi essere qui e avere la chance di aprire il concerto di una delle più grandi band della storia. Grazie per questa possibilità“, ha dichiarato sul palco Damiano dopo aver rotto il ghiaccio, emozionato e con la gioia negli occhi.

Il loro set, durato circa mezz’ora, li ha visti suonare tutti i loro più grandi successi, da Zitti e buoni a I Wanna Be Your Slave, passando ovviamente per Beggin’, il loro maggior successo. Alla fine dell’esibizione sono arrivati i ringraziamenti da parte di Mick Jagger, che in italiano si è lasciato andare a un sincero: “Grazie ragazzi“.

Di seguito la loro performance:

I Maneskin festeggiano sui social

Un’emozione come questa non potrà mai essere dimenticata dai Maneskin, che hanno voluto celebrare una serata storica anche attraverso un post sui social che li vede, sorridenti come non mai, insieme a Mick Jagger all’interno dei camerini dell’Allegiant Stadium di Las Vegas. “Il miglior ricordo di tutti i tempi“, hanno scritto i ragazzi. Questo il loro post:

Riproduzione riservata © 2021 - NM

Maneskin Rock strillo

ultimo aggiornamento: 08-11-2021


50 anni di Led Zeppelin IV, l’album più iconico nella storia del rock

Manuel Agnelli pazzo per i Maneskin: “Sono i nostri Beatles”