Live Aid 1985: la storia e la scaletta dell’evento benefico più importante della storia, famoso per aver consacrato definitivamente i Queen.

Se ancora oggi, a oltre 30 anni di distanza, tutti si ricordano del Live Aid, un motivo c’è. Per tutti è stato il più grande evento di beneficenza di sempre, per molti addirittura il più importante concerto rock della storia. Ma c’è anche chi lo ricollega alla consacrazione definitiva dei Queen, che proprio a Wembley entrarono dalla leggenda al mito.

Tenutosi il 13 luglio 1985 al Wembley Stadium di Londra e al John F. Kennedy Stadium di Philadelphia, davanti rispettivamente a circa 72mila e 90mila spettatori, fu trasmesso via satellite in 150 paesi, con un’audience di circa 2 miliardi di telespettatori.

Organizzato da Bob Geldof, produttore e musicista dei Boomtown Rats, e Midge Ure, storico frontman degli Ultravox, con lo scopo di alleviare la carestia etiope di quegli anni, superò ampiamente i propri obiettivi. E d’altronde i nomi coinvolti erano davvero i più grandi di sempre…

Freddie Mercury
Freddie Mercury

Il Live Aid 1985: la scaletta di Philadelphia

L’evento di Philadelphia fu spettacolare. Tra le cose indimenticabili dello show ci fu l’apparizione di Phil Collins che, dopo essersi esibito a Londra, volò con un Concorde a Philadelphia e riuscì a raggiungere la città della Pennsylvania. Sul volo, tra l’altro, Phil incontrò Cher, che non era stata invitata all’evento, e la convinse a salire sul palco nel finale del concerto.

Tra i protagonisti del concerto ci si ricorda di una giovanissima Madonna, presentata dalla star del cinema Bette Midler. Ma ci fu anche Bob Dylan, che durante Blowin’ in the Wind ruppe una corda della chitarra e si vide soccorso da Ron Wood, che gli prestò la propria.

E come dimenticare le reunion di Crosby, Stills, Nash & Young e, soprattutto, dei Led Zeppelin. Il Live Aid riunì davvero tutti. Anche Ozzy Osbourne, ad esempio, dopo diversi anni tornò a suonare con i Black Sabbath originari, dando vita a uno show spettacolare.

Questa la scaletta dell’evento di Philadelphia:

– Bernard Watson
Joan Baez
– The Hooters
– The Four Tops
– Billy Ocean
Black Sabbath
Run-DMC
– Rick Springfield
REO Speedwagon
– Crosby, Stills and Nash
Judas Priest
Bryan Adams
The Beach Boys
George Thorogood and the Destroyers / Bo Diddley / Albert Collins
Simple Minds
– The Pretenders
Santana
– Pet Metheny
– Ashford and Simpson
– Teddy Pendergrass
Madonna
Tom Petty
– Kenny Loggins
– The Cars
Neil Young
– Power Station
– Thompson Twins
Eric Clapton
Phil Collins
Led Zeppelin con Phil Collins e Tony Thompson
Crosby, Stills, Nash and Young
Duran Duran
– Patti LaBelle
– Hall & Oates / Eddie Kendricks / David Ruffin
Mick Jagger
Tina Turner
Bob Dylan
Keith Richards / Ron Wood
– USA for Africa (diretti da Lionel Richie)

Di seguito l’esibizione dei Led Zeppelin:

Live Aid 1985: la scaletta di Londra

L’evento di Wembley fu aperto da Rockin’ All Over the World degli Status Quo. Un brano decisamente adatto alla circostanza. Ci fu spazio sul palco anche per Elvis Costello, che tra le altre cose cantò una splendida All You Need Is Love dei Beatles.

Ma l’esibizione che è rimasta collegata per sempre al nome dell’evento è un’altra. Live Aid e Queen, un binomio perfetto e consolidato nel tempo. Perché in molti all’epoca e anche negli anni a venire hanno giudicato quella ventina di minuti con Freddie Mercury and company sul palco l’esibizione live di una rock band più intensa ed emozionante di sempre.

Il merito, ovviamente, fu per buona parte dell’istrionismo di Freddie, che tenne in pugno dall’inizio alla fine tutte le oltre 70mila persone dello stadio di Wembley, facendogli cantare a squarciagola Bohemian Rhapsody, Radio Ga Ga, Hammer to Fall, Crazy Little Thing Called Love, We Will Rock You e We Are the Champions.

Certo, furono notevoli anche i momenti di Elton John, George Michael, David Bowie e gli U2. Ma nessuna esibizione raggiunse il livello di quella dei Queen.

Questa la scaletta dell’evento di Londra:

Status Quo
– Style Council
– Boomtown Rats
– Adam Ant
– Ultravox
Spandau Ballet
Elvis Costello
– Nik Kershaw
Sade
Sting
Phil Collins
– Howard Jones
Bryan Ferry con David Gilmour
– Paul Young
– Alison Moyet
U2
Dire Straits
Queen
David Bowie
The Who
Elton John
Wham!
– Freddie Mercury e Brian May
Paul McCartney
– Band Aid (diretti da Bob Geldof)

Questa l’esibizione dei Queen al Live Aid:

Gli altri concerti

I due eventi pricncipali furono quelli di Londra e Philadelphia, ma ci furono anche altre esibizioni sparse per il mondo. A Melbourne suonarono gli australiani INXS, in Giappone la principale band metal del paese, i Loudness.

In Austria suonarono gli Opus, mentre a L’Aia si esibì il mitico B.B. King. Belgrado fu animata da Yu Rock Mission, a Mosca ci fu spazio per gli Autograph e a Colona per Udo Lindenberg.

Live Aid Rock strillo

ultimo aggiornamento: 13-07-2021


Coez: le curiosità sul cantautore di La musica non c’è

Chi è Dan Reynolds, il leader degli Imagine Dragons