Da American Tune a Graceland, le migliori canzoni della carriera solista di Paul Simon, del duo Simon e Garfunkel.

Nel 2018, Paul Simon, uno dei più grandi artisti musicali della nostra epoca, ha annunciato il suo ritiro dalle esibizioni con un tour finale – The Homeward Bound Farewell Tour. Dalla sua ascesa alla fama a metà degli anni ’60 con l’amico d’infanzia Art Garfunkel, Simon ha scritto e registrato alcune delle canzoni più ponderate, letterate e popolari dell’era rock. Il suo lavoro nei Simon & Garfunkel ha portato alla creazione del genere soft rock e il suo lavoro da solista è probabilmente il più avventuroso e rivoluzionario sul piano cantautorale. Ecco le migliori canzoni della sua carriera da solista.

Paul Simon
Fonte Foto: https://www.facebook.com/paulsimon/

Graceland – Graceland, 1986

Per Paul Simon, che era cresciuto negli anni ’50 proprio mentre il rock’n’roll ed Elvis Presley, in particolare, stavano mettendo radici, tutte le strade portavano a Graceland, la casa del suo eroe e la chiesa del rock’n’roll dove tutti i veri credenti nelle parole di Simone “saranno accolti“. In questa canzone autobiografica, Simon traccia il suo pellegrinaggio a Graceland dopo la fine del suo matrimonio con Carrie Fisher e il suo successivo risveglio spirituale. Il video:

American Tune – There Goes Rhymin ‘Simon – 1973

L’emozionante discorso sullo stato della nazione di Simon a una popolazione dell’era Watergate, che aveva visto il sogno americano trasformarsi in un incubo, funziona anche come un tributo emotivo ai milioni di migranti che erano entrati in America all’ombra della Statua della Libertà. Il testo sobrio e sottile di Simon si aggiunge al potere dei sentimenti di orgoglio nazionale che non sono mai sciovinisti o stucchevoli. Il video:

Still Crazy After All These Years – Still Crazy After All These Years, 1975

Una giuria di suoi colleghi assegnò a Simon un Grammy per la migliore performance pop dell’anno per la malinconica title track di uno dei suoi migliori album, la maggior parte del quale documentava la fine del suo primo matrimonio. Il testo agrodolce è incorniciato da archi scintillanti, piano jazz leggero e imprevedibili cambi di tempo che portano a un memorabile assolo di sassofono. Il video:

You Can Call Me Al – Graceland – 1986

La traccia più commerciale di Graceland è chiaramente autobiografica: in You Can Call Me Al, Simon racconta la storia di un uomo che attraversa una crisi di mezza età, il quale chiede – e trova – redenzione. Prima dell’intera esperienza di Graceland, Simon aveva subito un crollo della carriera e due divorzi, con conseguente rinascita artistica e personale con quella che ha descritto come la sua “straordinaria esperienza spirituale” in Sud Africa. Il titolo deriva da un malinteso avvenuto a una festa, quando il compositore Pierre Boulez si riferì a Simon come “Al“, e Simon, a quel punto, creò un singolo di successo incredibilmente orecchiabile che raggiunse la posizione numero 4 nelle classifiche britanniche. Il video:

50 Ways to Leave Your Lover – Still Crazy After All These Years – 1975

Uno dei migliori esempi dell’arguzia di Simon: il cantautore conduce un’abile gioco di parole di un’amante che spiega al suo amato come rompere con sua moglie. Forse solo Simon poteva creare un singolo da numero 1 a partire da un gioco in rima che stava insegnando a suo figlio neonato, ma è quello che ha fatto con 50 Ways To Leave Your Lover, che ha scalato le classifiche di Billboard negli Stati Uniti per tre settimane. Il video:

strillo

ultimo aggiornamento: 13-10-2021


Pink meglio di Madonna e Lady Gaga: nuovo primato per la cantante americana

Alessandra Amoroso annuncia le date dell’instore tour per Tutto accade