Le canzoni più belle di Gary Moore: da Parisienne Walkways a Oh Pretty Woman, i brani più significativi del suo repertorio musicale.

Ci sono molte buone ragioni per elencare le migliori canzoni di Gary Moore. Prima della sua morte scioccante e prematura a causa di un apparente attacco cardiaco nel febbraio 2011 all’età di 58 anni, il cantautore irlandese godeva della più profonda ammirazione da parte dei suoi coetanei, pur rimanendo uno dei chitarristi più pubblicamente sottovalutati al mondo.

Ma forse questa contraddizione è adatta solo per un artista la cui irrequieta carriera, che si è dipanata tra blues, rock, heavy metal, jazz-fusion e altri stili per quattro decenni e mezzo – è stata eguagliata solo dal suo prodigioso talento con il suo strumento.

Gary Moore, le canzoni più amate

Gary Moore
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/GaryMooreSociety/

Partiamo con Parisienne Walkways, dall’album Back on the Streets del 1979.

Il video di Back on the Streets:

Questa splendida ballata del secondo album solista di Moore può essere vissuta in due diverse versioni, a seconda dell’album o della collezione di origine.

La prima presenta Gary come voce solista; l’altra Philip Lynott – e francamente entrambe sono incredibili.

Dopotutto, è in definitiva la squisita melodia di questa canzone e il modo in cui l’artista, chitarra blues d’Irlanda, la gestisce, con un tocco sensibile degno di Jeff Beck, che ha probabilmente realizzato il suo strabiliante epitaffio musicale.

Passiamo a Out in the Fields, dall’album Run for Cover del 1985. L’ultimo album di Gary Moore conteneva anche la sua ultima collaborazione musicale con Philip Lynott.

Il video di Out in the Fields:

In quel periodo, dopo la relazione con i Thin Lizzy e immerso nell’abuso di droghe, Lynott stava lottando per rilanciare la sua carriera e Moore venne in suo aiuto.

Il testo affronta le turbolenze religiose in Irlanda – in corso in quegli anni – e ha fatto leva su uno degli assoli più famosi e tecnicamente complessi di Moore.

C’è, poi, Róisín Dubh (Black Rose) A Rock Legend, dall’album Black Rose del 1979.

Il video Róisín Dubh (Black Rose) A Rock Legend:

Lynott rientrò nella vita di Moore alla fine degli anni ’70, chiedendo al suo vecchio partner di sostituire il chitarrista dei Thin Lizzy, Brian Robertson, in tournée.

Questa volta, la loro unione è durata abbastanza a lungo da produrre un album completo, ossia Black Rose del 1979.

Oltre a vantare assoli straordinariamente semplici e armonie brevettate di chitarre gemelle tra Moore e Scott Gorham, l’album ha prodotto una delle migliori canzoni di Moore con questa traccia epica.

Gary Moore, Need Your Love e Oh Pretty Woman

Procediamo con Need Your Love So Bad dall’album Blues for Greeny del 1995.

Il video di Need Your Love So Bad:

Il periodo blues di Moore ha probabilmente raggiunto il picco in Blues for Greeny del 1995, un album dedicato al rifacimento di brani classici, composti dal fondatore dei Fleetwood Mac, Peter Green.

Quando Green lasciò il business della musica nei primi anni ’70, diede la sua inestimabile Gibson Les Paul del ’59 a Gary Moore, che ovviamente la utilizzò al meglio, realizzando proprio questa famosa ballad.

Infine, citiamo Oh Pretty Woman, estratta dall’album Still Got the Blues del 1990.

Il video Oh Pretty Woman:

La ricerca dell’anima musicale di Moore è progredita rapidamente negli anni ’90.

Dall’hard rock, al metal fino alla musica tradizionale irlandese, come mostrato dall’album Still Got the Blues del 1991, che ha rivitalizzato la carriera, presentava molti dei migliori brani di Moore in termini di popolarità.

In questo lavoro cinematografico, il cantautore irlandese ha reso sincero tributo ad alcune delle sue più grandi influenze, tra cui Albert King, tratto che emerge proprio dal brano Oh Pretty Woman.

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/GaryMooreSociety/

TAG:
canzoni Gary Moore news

ultimo aggiornamento: 04-04-2020


Le canzoni più importanti nella carriera di Fiorella Mannoia

L’ultima lettera di Kurt Cobain prima del suicidio