No Doubt, le canzoni migliori: da Don’t Speak a Underneath It All, i brani più importanti della carriera del gruppo di Gwen Stefani.

A differenza di quasi tutte le altre band uscite dal revival ska degli anni ’90, i No Doubt non erano legati al 100% a un modello musicale specifico. Hanno realizzato musica pop, mista a new wave, synth-pop e ballad: inoltre, avevano una cantante donna, Gwen Stefani – un cambiamento interessante e cruciale dal genere, solitamente dominato dagli uomini e alimentato dal testosterone. Scopriamo insieme le 5 migliori canzoni dei tempi d’oro della band, capitanata dalla grintosa cantante californiana.

No Doubt, le canzoni più amate

Iniziamo la nostra lista con Just a Girl. Quando il fratello di Gwen, Eric, lasciò la band nel 1994, il gruppo fu costretto a scrivere la propria musica da solo, il che è evidente nel cambio di stile riscontrato in Tragic Kingdom.

Il video di Just a Girl:

Just a Girl è stato il primo e – probabilmente – il miglior singolo di quell’album, scritto da Gwen e dal chitarrista Tom Dumont. I testi affrontano gli stereotipi femminili: “Non pensi che io sappia esattamente dove mi trovo? Questo mondo mi sta costringendo a tenerti la mano“.

Passiamo a Don’t Speak. Da Tragic Kingdom, il brano è diventata la canzone di maggior successo della band, battendo record di airplay e facendo guadagnare al gruppo il loro unico successo Hot 100 n. 1, oltre a una nomination ai Grammy di Song of the Year (Canzone dell’anno).

Il video di Don’t Speak:

Si presume che la traccia dal suono rock più sentita e dolce riguardi la relazione di sette anni di Gwen e Kanal, scritta da Gwen con un piccolo aiuto da suo fratello Eric.

C’è, poi, It’s My Life. In concomitanza con la compilation e il cofanetto dei No Doubt, il gruppo ha realizzato cover del disco synthpop dei Talk Talk, pubblicato nel 1984.

Il video di It’s My Life:

È stata l’ultima canzone dei No Doubt rilasciata prima che la band si sciogliesse e Gwen Stefani lanciasse la sua carriera da solista, allontanandosi dal suono rock alternativo della band verso sonorità più hip-hop e pop.

No Doubt, Hella Good e Underneath It All

Arriviamo a Hella Good. Il duo di produzione hip-hop dei Neptunes ha collaborato con i nativi di Anaheim per questa canzone dei No Doubt, una canzone funky e piena di ballo.

Il video di Hella Good:

La traccia, che presenta una linea di basso minacciosa ma alla moda, prende in prestito lo slang di San Francisco, le influenze dei Queen e di Afrika Bambaataa. Il remix della canzone di Roger Sanchez gli è valso un Grammy Award per la miglior disco Remixed, non classica.

Infine, citiamo Underneath It All. Con un ritmo più lento, si tratta di una canzone d’amore reggae fusion, scritta dalla Stefani e Dave Stewart degli Eurythmics, quando la cantante era a Londra in visita all’attuale marito Gavin Rossdale.

Il video di Underneath It All:

Il chitarrista Tom Dumont disse che Stewart aveva contribuito a mantenere semplici le modifiche alla chitarra e Lady Saw aggiunse una strofa da guest quando la band terminò la produzione di questa canzone in Giamaica.

Gwen Stefani
Gwen Stefani
TAG:
canzoni No Doubt Rock

ultimo aggiornamento: 03-10-2020


Zenyatta Mondatta, l’album dei Police compie 40 anni

Stevie Ray Vaughan, le migliori canzoni: da Change It a Love Struck Baby