Tutt’oggi l’interesse degli italiani per le danze latino americane e caraibiche rimane alto ed in continua espansione

Sono molte le scuole, gli insegnanti e gli studenti che mantengono viva questa  passione , attraverso corsi di ballo, lezioni e serate latine.Per comprendere al meglio le origini e la portata del fenomeno abbiamo chiesto  il parere e la consulenza del maestro Simone Giorgio, tecnico e formatore federale della Fids ( Federazione Italiana Danza Sportiva), 5 volte campione del mondo in Salsa e Bachata fondatore della nota scuola di ballo  Timba Tumba Dance Academy di Torino.

Come sono arrivate le danze caraibiche e latino-americane in Italia?

I balli latini americani, nel corso degli anni, hanno riscosso un enorme successo in Europa. l’Italia, in particolare, è in cima alla classifica per paese europeo nel quale si balla maggiormente la Salsa. Nei primi anni Novanta, queste forme di ballo non si erano ancora diffuse nella nostra penisola, tuttavia uno dei balli più amati dagli italiani a quei tempi risultava la ‘’Lambada’’, danza di origine brasiliana e, per grandi linee, molto simile per ritmo e figure ai balli latini-americani e caraibici. Nel giro del decennio successivo il ballo latino americano e caraibico arriva finalmente in Italia.

Dato il grande entusiasmo si iniziano subito a creare corsi di ballo latino americano, corsi di Salsa e Bachata e scuole su tutto il territorio nazionale e molte scuole di danza, che fino ad allora erano prevalentemente impostate sulla danza classica e moderna, iniziano ad avvicinarsi a questi nuovi ritmi.

scuola da ballo

Differenze tra balli latino americani e danze caraibiche

È facile confondere i balli latini americani e le danze caraibiche. I primi sono principalmente balli da competizione e sono il Cha Cha, Samba, Rumba, Paso Doble e il Jive. Mentre le seconde sono balli sociali ( radicati nella società come il liscio tradizionale) e sono la Salsa, la Bachata e il Merengue.  Spesso vengono confusi tra loro anche se possiamo farli rientrare tutti nei balli latino americani in quanto provenienti dal Sud America. Tuttavia esistono differenze sostanziali tra i due tipi di danza. Le differenze inconfondibili consistono prevalentemente nel divario riguardo ritmo musicale, passi, figure, contatto tra ballerini e sensualità.

Le Danze Caraibiche

I balli caraibici, coinvolgenti e molto in voga, sono considerati come ballo sociale, e più semplici da imparare. Si tratta di danze passionali, sensuali, di origine caraibica (da Cuba, Portorico e Repubblica Dominicana) e più diffuse rispetto ai balli latino americani. La loro caratteristica comune è nel “Cuban Motion”, la rotazione del bacino in modo ritmico attorno alla colonna vertebrale, derivata dalla flessione ed estensione delle ginocchia. Le Danze Caraibiche per eccellenza sono Salsa, Merengue e Bachata. In Italia quelle più diffuse nelle scuole di ballo e nelle serate in discoteca sono la Salsa e la Bachata.

Origini e differenze tra Salsa, Merengue e Bachata

Con il termine Salsa ci si riferisce ad una mescolanza di ritmi e suoni caraibici, europei e africani. Le sue origini sono il Son Montuno, il Mambo, la Plena e la Rumba e le sue origini culturali le possiamo trovare a partire dai primi anni settanta negli Stati Uniti, in particolare a New York, grazie agli immigrati cubani, portoricani e di  altri paesi del caribe. Gli strumenti tipici e principali sono la Clave, le percussioni come la Conga e il Timbales. Tra i maggiori esponenti musicali, che hanno fatto la storia e contribuito a far conoscere al mondo intero questo genere musicale, ricordiamo artisti del calibro di Tito Punte, Benny More, Celia Cruz, Tito Robriguez, El Gran Combo.

Ne esistono diversi di generi, tra cui: Salsa cubana, portoricana, lo stile venezuelano, la salsa colombiana, Los Angeles Style e New York Style, quello più diffuso al momento. Si caratterizza come un ballo frizzante, dinamico, ricco di figure ed amalgamazioni in coppia con una struttura musicale di 4/4: può essere lento (salsa romantica), oppure molto veloce. La Bachata e il Merengue sono nati nel territorio della Repubblica Dominicana come balli tradizionali e sono caratterizzati da un accentuato movimento corporale, ritmico e sensuale.

La Bachata ha una struttura musicale quaternaria: i testi narravano, in passato, storie tristi e tragiche per poi evolversi, nei primi anni 2000, a testi legati a storie d’amore accompagnati da melodie dolci e romantiche. Gli strumenti tipici di questo genere musicale sono la Chitarra, Güiro, Bongo e la Conga. Ci sono più stili di ballo riconosciuti come la Bachata Sensual, Dominicana ( stile tradizionale) e Fusion. Tra i maggiori esponenti musicali che hanno contribuito a far conoscere a tutto il mondo questo ritmo è sicuramente Romeo Santos con il Gruppo Aventura ed il loro successo planetario “Obsesion”.

Il Merengue si distingue per il suo ritmo incalzante, che trae le sue origini dalle danze tribali africane. Oggi, nel Merengue, si interpreta la storia di un corteggiamento. La coreografia sensuale, affiancata da una soggettiva interpretazione da parte dei ballerini, segue un passo di base semplice, in 2/4, ma intrigante.

Come si balla la Salsa?

La Salsa è un ballo prevalentemente di coppia e può essere anche ballata in assolo (pasitos) con il passo basico abbastanza semplice, con pochi passi da imparare a memoria. I passi base sono prevalentemente due: la base alternata avanti e dietro e quella laterale.

Il cavaliere inizia le danze prendendo con la propria mano sinistra la mano destra della dama e appoggia la sua mano destra sulla schiena, a livello della scapola sinistra della ballerina. Il cavaliere svolge gli stessi movimenti, speculari e coordinati alla dama (entrambi i ballerini hanno diverse modalità di partenza). Nel passo basico il cavaliere porterà, al tempo 1, il piede sinistro in avanti mentre la dama il piede destro indietro, successivamente, dopo 3 tempi e due passi successivi, il cavaliere porterà al tempo 5 il destro indietro mentre al dama il sinistro avanti: al tempo 4 e 8 è prevista una pausa musicale senza alcun passo. La posizione “chiusa” di partenza viene abbandonata quasi immediatamente per passare alla posizione di coppia “aperta” dalla quale si sviluppano tutte le figure ed amalgamazioni dando sfogo alla fantasia dei ballerini.

Cos’è il ballo latino-americano?

Per danza latina-americana s’intende un tipo di ballo di coppia, riconosciuto nelle competizioni internazionali di vari paesi in tutto il mondo. Cinque sono le danze attualmente riconosciute come danze latino-americane ufficiali, queste sono: Samba, Cha Cha , Rumba, Paso doble e Jive. Questi tipi di balli sono soggetti a variazioni in base alle tradizioni del paese in cui ci si trova. La WDSF o World Dance Sport Federation, a cui hanno aderito circa 100 paesi nel mondo, tra cui l’Italia, stabilisce regole e programmi di gara validi sul circuito internazionale. Interpretazione e creatività coreografica sono ovviamente soggettive.

Le principali differenze tra Samba, Cha Cha, Rumba, Paso doble e Jive

La Samba nasce a Salvador de Bahia, in Brasile, nell’ Ottocento. Si tratta di una danza sviluppatasi sulla base di un ritmo religioso africano: gli schiavi, ballando su ritmi tribali, ai tempi del colonialismo diffusero questo genere di danza. Il Paso doble è un ballo di origine ovviamente spagnola, attraverso cui vengono mimate le mosse del torero nelle corride. Il ballerino rappresenta il torero, la sua dama il mantello rosso.

Il Cha Cha nasce invece a Cuba all’inizio del XX secolo. È considerato un ballo più semplice rispetto agli altri, anche se i passi base sono leggermente più difficili.

Anche la Rumba trova le sue origini a Cuba, dove è nata alla fine del XIX secolo. Ne esistono diversi stili, tra cui: Yambú, Columbia, e Guaguancó. Esistono due tipi di Rumba: una più lenta e romantica, tipica delle danze latino americane da competizione, e quella tipica della cultura e religione cubana.

Il Jive infine è un ballo che nasce come variante veloce del Jitterbug  nel Nord America durante gli anni ’30. Ballato in un primo momento solo da afroamericani, venne poi ballato anche dai bianchi.


Musica in streaming: 4 consigli per ascoltare le proprie canzoni preferite

Francesco Merola canta un brano di Luca Maris!