Kanye West ha cambiato ufficialmente nome: la richiesta del rapper è stata accolta, e da oggi dovremo chiamarlo Ye.

Inizia una nuova vita per Ye, alias Kanye West. Il rapper americano aveva chiesto di cambiare nome all’angrafe di Chicago lo scorso agosto. E dopo un paio di mesi di riflessione, la sua richiesta è stata approvata. D’ora in avanti, dunque, l’artista ha assunto ufficialmente la denominazione di Ye. Senza alcun secondo nome, senza cognome, senza null’altro che due semplici lettere. Kanye Omari West fa parte del passato. Adesso c’è un altro individuo al suo posto.

Kanye West
Kanye West

Kanye West diventa Ye: il cambio nome del rapper

Non è una novità. Kanye aveva iniziato a pensare a un cambio nome già da diverso tempo. Un’ipotesi in tal senso era arrivata nel 2018, anno della pubblicazione del suo ottavo album in studio, intitolato appunto Ye. Un nome che ha molto più significato per l’artista rispetto al suo ormai vecchio nome.

Raccontò lo stesso artista in un’intervista nel 2018 parlando al conduttore Big Boy: “Credo che ‘ye’ sia la parola più comunemente usata nella Bibbia. Significa ‘you’. Quindi, io sono te. E io siamo noi. Sono passato dall’essere Kanye, che significa l’uno a essere Ye, semplicemente essere un riflesso del nostro bene, del nostro male, del nostro confuso tutto“.

Cosa cambierà per Ye?

Al momento non sappiamo se questa novità, riportata da alcune testate d’Oltreoceano, sarà seguita da un cambiamento nella carriera del rapper di Chicago. Probabilmente in tutte le prossime uscite utilizzerà il suo nuovo nome e non più la vecchia denominazione che lo ha reso famoso in tutto il mondo. Anche se, con un artista del genere, è davvero impossibile avere certezze. Per ora dunque salutiamo il vecchio Kanye e diamo il benvenuto al nuovo Ye.

Di seguito la sua Violent Crimes:

Riproduzione riservata © 2021 - NM

Kanye West

ultimo aggiornamento: 19-10-2021


“La mia vita comincia a essere priva di senso”: la confessione di Vasco Rossi

Alessandra Amoroso senza rimpianti: “Madre e moglie? No, mi sento completa così”