Kanye West, Donda è disponibile per i fan, ma il rapper fa scoppiare il caso: l’album sarebbe stato pubblicato senza il suo consenso.

Kanye West fa scoppiare la bomba. E no, non si tratta di Donda. O meglio, non direttamente. Perché il decimo album in studio del rapper è stato finalmente pubblicato, dopo un’attesa lunga oltre un anno e dopo non uno, non due ma ben tre eventi speciali per presentarlo davanti ai propri fan con degli ascolti in anteprima all’interno di uno stadio. Eventi che sono serviti a far salire ancora di più l’hype fino al 29 agosto, giorno in cui, a sorpresa, l’album è arrivato ufficialmente online. Ma per Kanye, senza il suo consenso. E adesso cosa accadrà?

Kanye West
Kanye West

Kanye West contro la pubblicazione di Donda

Nemmeno il tempo di esultare per i fan del rapper americano, che dopo poche ore dalla pubblicazione in streaming attraverso il suo account Instagram West ha criticato l’etichetta per aver pubblicato l’album senza la sua autorizzazione. Scrive il rapper nel suo messaggio: “La Universal ha pubblicato il mio album senza la mia approvazione e ha bloccato Jail 2, uno dei brani dell’album“. Di seguito il post:

Anche Marilyn Manson all’interno di Donda

L’album, al di là di tutte le diatribe mediatiche tra l’etichetta e il rapper, è stato accolto con grande entusiasmo dal pubblico. All’interno dle disco sono presenti i contributi di tantissimi artisti di spessore, tra cui Jay-Z, The Weeknd, Young Thug, Travis Scott, Lil Baby, Kid Cudi e anche il compianto Pop Smoke.

Lo scorso 26 agosto, nell’ultimo evento di ascolto al Soldier Field di Chicago, avevano partecipato all’evento anche due degli artisti più criticati, per motivi diversi, degli ultimi mesi: Marilyn Manson, al ritorno dopo le accuse di violenze e abusi, e DaBaby, di recente accusato di omofobia. Entrambi hanno collaborato con il rapper proprio in Jail 2, il brano che inizialmente la casa discografica aveva censurato.

TAG:
Kanye West strillo

ultimo aggiornamento: 30-08-2021


Afghanistan, addio musica? Il portavoce dei talebani: “È proibita”

I Rolling Stones non si fermano: confermato il tour dopo la morte di Charlie Watts