È stato pubblicato il video ufficiale di Isolation, brano dell’ex Beatles, John Lennon, che uscì nel 1970.

Una versione inedita della canzone di John Lennon, Isolation, è stata rilasciata insieme a filmati d’archivio inediti della sua villa nel 1971. Il mix grezzo in studio fa parte del set di otto dischi John Lennon/Plastic Ono Band: The Ultimate Collection. Il video di accompagnamento mostra le stanze private usate da Lennon e Yoko Ono a Tittenhurst Park: il filmato è stato girato il 16 luglio 1971, sotto la direzione della coppia e che possiamo vedere oggi a cinquant’anni di distanza.

John Lennon e Yoko Ono
John Lennon e Yoko Ono

John Lennon, pubblicato il video di Isolation

Il video di Isolation è stato pubblicato nelle ultime ore: si tratta di una versione inedita che ci mostra quella che è stata la casa dell’ex Beatles, John Lennon. Come potete vedere dal video, si possono osservare la camera da letto principale, un bagno e due camerini, mentre il pianoforte che Lennon di Imagine è insieme a un dipinto di Salvador Dalì, custodie per chitarra, un proiettore cinematografico, un fermacarte della Apple Corps e un giradischi. Il nuovo mix, tratto da una sessione svolta agli Abbey Road Studios, ha una “misteriosa” somiglianza – come sottolinea dall’ingegnere Rob Stevens – con la canzone successiva Imagine per quel che concerne “l’inspirazione e l’espirazione prima della voce“.

Il video di Isolation:

Un Lennon diverso rispetto a quello visto nei Beatles

Dalle campane inquietanti e funebri e dai lamenti emotivi della traccia di apertura ‘Mother’, era chiaro. Il primo album in studio da solista di John Lennon era diverso da qualsiasi cosa avesse fatto prima“, si legge da una dichiarazione sul sito web di Stevens. “Registrato poco dopo la dipartita dai Beatles, John Lennon / Plastic Ono Band ha mostrato John eliminare l’artificio e gli ornamenti per un esorcismo artistico viscerale che era confessionale, crudo, dolorosamente onesto e rivelatore“.

“Ispirato dalla psicoterapia pseudoscientifica che lui e la moglie Yoko Ono avevano praticato con il dottor Arthur Janov, John, affiancato dalla minimalista Plastic Ono Band – con Ringo Starr alla batteria e Klaus Voormann al basso, e il produttore Phil Spector – hanno affrontato i suoi demoni, professò il suo amore per la moglie, inveì contro falsi idoli e dichiarò che il sogno era finito nel suo album più personale. Oggi rappresenta il traguardo imponente della sua carriera da solista – il momento in cui la più grande rock star del mondo ha messo a nudo la sua anima perché tutti potessero sentire – tanto reale quanto rivoluzionario“.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 24-04-2021


Dave Grohl con la figlia Violet: la cover di Nausea degli X

Canzoni sulla Resistenza: cinque brani per festeggiare il 25 aprile