Iron Maiden, Harris: “Empire of the clouds è un capolavoro”

“Empire of the clouds”, traccia contenuta nell’album degli Iron Maiden in uscita a settembre, è stata scritta da Dickinson e dura ben diciotto minuti. “Ma non vi annoierete”, assicura Harris.

Mancano due mesi alla pubblicazione del nuovo album degli Iron Maiden, prevista per il 4 settembre. Cresce però l’attesa per quello che sarà il primo doppio album realizzato in studio dopo oltre 40 anni di attività. In “The book of souls” spiccano due tracce lunghe 18 e 13 minuti: la prima di queste, “Empire of the clouds”, scritta da Bruce Dickinson, è stata definita da Steve Harris “un capolavoro. Penso di poterlo dire – ha dichiarato il bassista dei Maiden – perché non l’ho scritta io. Diciotto minuti possono sembrare tanti, ma è un tale viaggio che…meglio lasciare che la gente ascolti. Di sicuro non è noiosa”. Poi, più in generale, parla del disco: “C’è parecchia roba, un sacco di aspetti da cogliere. Troverete delle parti che colpiranno i fan da subito ma credo comunque che ci vorrà qualche ascolto”.

Il tour degli Iron Maiden non partirà subito dopo la pubblicazione del disco ma non prima del gennaio del 2016: questo per permettere a Dickinson di riprendersi del tutto dopo la battaglia contro il cancro. Al frontman della band, lo scorso febbraio, era stato diagnosticato un tumore alla lingua, ora sconfitto.
Gli Iron Maiden hanno atteso il ritorno di Dickinson, scegliendo di non esibirsi almeno fino al prossimo anno, e ora sono assolutamente proiettati verso la preparazione dei live in giro per il mondo.

“Ogni volta che pubblichiamo un nuovo disco – ha concluso Harris – andiamo sempre in giro con una nuova scenografia, e già questo è esaltante. Crediamo sempre che ogni concerto sia sacro e ora dopo lo spavento che abbiamo avuto per Bruce è ancora più vero. E’ una cosa che rende ciò che facciamo ancora più importante”.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 03-07-2015

Redazione Notizie Musica