Apple ha deciso di fermare la produzione degli iPod: cosa sono stati, a cosa servono e perché hanno cambiato la musica.

L’iPod di Apple, lanciato nel 2001, è stato uno dei primi lettori digitali portatili sul mercato. È stato anche tra i più popolari, con più di 220 milioni di unità vendute. La popolarità dell’iPod può essere attribuita alle sue tante caratteristiche innovative, come la sua semplicità di design, la lunga durata della batteria, e la vasta gamma di software compatibili. Nel 2022 l’azienda ha annunciato la fine della produzione di questo tipo di dispositivi dopo oltre vent’anni. Per celebrare un dispositivo che ha cambiato la storia della musica, riscopriamo insieme a cosa serviva e come funzionava.

Come usare un iPod

L’iPod può essere utilizzato in diversi modi. Ad esempio, come music player. È possibile memorizzare
musica su questo dispositivo e ascoltarla quando si vuole. Ma si può utilizzare l’iPod, almeno nelle sue versioni più moderne, per guardare dei video.

Ragazza che ascolta musica
Ragazza che ascolta musica

È possibile guardare film, programmi televisivi e altri video su questo dispositivo, oltre che ascoltare podcast, un tipo di file audio che viene rilasciato regolarmente, come fosse un contenuto radiofonico ma senza interruzioni. Infine, è possibile utilizzare l’iPod per accedere al web e navigare online.

Modelli di iPod

Apple ha lanciato tre principali linee di iPod: Shuffle, Nano e Touch. Il modello Shuffle era il più economico e semplice, senza schermo e senza possibilità di riprodurre video. Era solo un lettore audio con una clip per applicarlo all’abbigliamento.

Il modello Nano era un po ‘più costoso e aveva un piccolo schermo, ma non la capacità di riprodurre video. Anche questo poteva essere applicato all’abbigliamento o a un braccialetto. Il modello Touch era infine il più costoso e aveva lo schermo più grande. Poteva riprodurre video e aveva molte altre funzioni.

Cuffie per iPod

Apple ha sempre lanciato dei trend quando si tratta di tecnologia, e con l’iPod non ha fatto eccezione. Probabilmente uno dei prodotti Apple più popolari sul mercato, ha originato un grande numero di diversi
accessori, il più amato dei quali sono senza dubbio gli auricolari iPod, o “cuffie” come vengono spesso
affettuosamente chiamate.

Esistono diversi tipi di questi auricolari sul mercato, ma quello più popolare è il modello in-ear, che si adatta al canale uditivo e blocca il rumore esterno. Vengono venduti in una varietà di colori e stili, ed è possibile acquistarli anche con un microfono integrato, così da poter effettuare chiamate senza dover rimuovere gli auricolari.

Un altro tipo di auricolare per iPod molto amato è il modello on-ear, che è perfetto per le persone che vogliono un po’ più di privacy o che sono preoccupate della qualità del suono. Questi auricolari hanno solitamente una qualità del suono migliore rispetto a quelli precedenti, ma possono risultare un po’ ingombranti e scomodi per alcune persone.

L’importanza degli iPod nel mondo della musica

Il più grande merito degli iPod è stato quello di rivoluzionare la fruizione della musica, rendendo l’ascolto in mobilità ancora più semplice ed efficace. Nell’epoca del declino dei walkman (quelli per CD), e dell’esplosione dei lettori mp3, gli iPod proponevano un bel passo avanti nell’ascolto di file digitali, grazie a caratteristiche tecnologiche che li rendevano decisamente più innovativi rispetto a qualsiasi altro modello di mp3 disponibile sul mercato. Se oggi siamo abituati ad ascoltare musica in streaming grazie a servizi fruibili tramite il nostro smartphone, il merito è anche dell’iPod, che ha contribuito ad abituarci a un nuovo modo di godere delle nostre canzoni preferite, in ogni situazione e in ogni contesto.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 04-06-2022


Chi è Flavio Paulin, il primo cantante dei Cugini di Campagna

Chi è Francesco Bianconi, cantante dei Baustelle