Foo Fighters: storia e canzoni del primo album della band di Dave Grohl

Foo Fighters: 25 anni fa usciva il primo album della band di Dave Grohl

Foo Fighters: alcune curiosità sul primo lavoro della band di Dave Grohl, infatti, pubblicato il 4 luglio 1995.

Il 4 luglio 1995 veniva pubblicato il primo album dei Foo Fighters. Pochi mesi dopo la morte di Kurt Cobain, nell’aprile 1994, il batterista dei Nirvana – Dave Grohl – chiamò il suo amico di lunga data, musicista e produttore Barrett Jones: Grohl voleva passare del tempo in studio.

Ciò che emerse è stata una sessione di cinque giorni gestita da Grohl e Jones ai Robert Lang Studios di Seattle, che ha fruttato, nota per nota – con solo i mix finali finiti in seguito – l’omonimo album di debutto dei Foo Fighters, dall’anima punk e alimentato da grunge, nonché profondamente melodico. Pubblicato il 4 luglio 1995, è stato un classico che ha continuato a vendere oltre 1,5 milioni di copie, secondo quanto dichiarato dalla RIAA.

Foo Fighters, la storia dietro la realizzazione del primo album

Jones e Grohl, che vivevano a 20 minuti di distanza in Virginia, si incontrarono per la prima volta a metà degli anni ’80, quando un quattordicenne Grohl suonava la chitarra in una band chiamata Freak Baby, che registrava nello studio di Jones vicino alla zona lavanderia nella casa dei genitori.

Jones era più grande di tre anni: “Sì, ero il ragazzo più grande” ricorda mentre era Seattle, dove è ancora a capo della sua lavanderia. Diverse band più tardi, nel 1990, Grohl si unì ai Nirvana e suggerì a Jones di trasferirsi a Seattle e lo invitò anche allo studio di Los Angeles mentre i Nirvana registrarono il loro album rivoluzionario, Nevermind.

Dopo un altro album brillante, In Utero del 1993, improvvisamente i Nirvana scomparvero. “Dave è andato via per un po’ di tempo, almeno alcuni mesi“, ricorda Jones. “Quando finalmente fu pronto per rientrare, mi chiamò, prenotò lo studio e in cinque giorni facemmo tutto“.

Secondo tutti gli standard, questa rimane un’impresa sorprendente. “Ha un talento per questo“, spiega Jones. “Raramente commette errori e in pratica ha un tempismo perfetto; e sa esattamente come andrà tutto“.

Casualmente, Greg Dulli degli The Afghan Whigs, un amico comune, prese parte al progetto e viene accreditato per aver suonato la chitarra nella canzone X-Static. Anche se Jones rivela: “Greg ha fatto a malapena qualcosa. Probabilmente era solo una piccola linea di chitarra“.

Sebbene Grohl non avesse grandi progetti per le registrazioni in quel momento, Jones sapeva che erano destinati a un contratto discografico: “Dave è molto bravo a non essere troppo avanti rispetto a se stesso. È molto umile per quel genere di cose. Pensava che sarebbe stata una demo che avrebbe distribuito ad alcuni amici. Sapevo che le canzoni erano così straordinarie che la gente avrebbe voluto ascoltarle anche se lui non fosse stato uno dei Nirvana. Ma il fatto che fosse nei Nirvana praticamente, per me, gli ha fatto da garanzia“.

La coppia ha effettuato alcune registrazioni dopo quella sessione del 1994 ed è ancora in contatto; Jones ha anche visitato la band durante le sessioni di registrazione dell’anno scorso, ma quei cinque giorni a Seattle che hanno lanciato i Foo Fighters rimangono un momento rock and roll irrinunciabile.

Foo Fighters
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/foofighters

Foo Fighters: l’album omonimo di debutto della band

Il primo album in studio dei Foo Fighters compie 25 anni. Dopo questo quarto di secolo, Dave Grohl e la sua troupe, composta da Nate Mendel (basso) e Pat Smear (chitarra) oltre a Taylor Hawkins (batteria), Chris Shiflett (chitarra) e Rami Jaffee (tastiere), stavano pianificando di festeggiare il traguardo con un Van Tour della primavera 2020.

Questo tour avrebbe permesso loro di girare le città per promuovere il debutto rilasciato dalla Roswell/Capitol Records, ma la pandemia di Coronavirus ha decisamente cambiato i loro piani.

I Foos avevano anche terminato un decimo album in studio proprio nel periodo in cui è scoppiata l’emergenza sanitaria di COVID-19. Come molti hanno fatto durante il blocco, Grohl ha ricordato il suo passato tramite un nuovo handle di Instagram chiamato @Davestruestories.

Nell’album sono contenute le seguenti canzoni: This Is a Call, I’ll Stick Around, Big Me, Alone + Easy Target, Good Grief, Floaty, Weenie Beenie, Oh, George, For All the Cows, X-Static, Wattershed e Exhausted.

Il video di This Is a Call:

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/foofighters

ultimo aggiornamento: 04-07-2020