Tutte le curiosità su Stan, uno dei brani più amati di Eminem, simbolo degli anni 2000 che ha lanciato anche la carriera di Dido.

Stan è il terzo singolo estratto dalla magnum opus di Eminem del 2000, The Marshall Mathers LP. La canzone si è distinta nel tempo e si è rivelata uno dei capisaldi più essenziali nella storia della cultura pop. Il disco è incentrato sulla storia di Stanley Mitchell, un fan folle e ossessivo del rapper, che spesso inviava una lettera a Eminem senza ottenere risposte.

Stan diventa più violento man mano che la canzone avanza, prima di legare la sua ragazza, metterla nel bagagliaio di un’auto e guidare ubriaco su una scogliera.

Eminem, qualche curiosità su Stan

Della canzone Stan, c’è un finale alternativo. La storia di Stanley Mitchell che tutti conosciamo oggi è molto diversa dalla sua versione originale. Eminem ha spiegato – durante la sua apparizione nel 2011 alla radio Shade 45 – che la versione originale è molto più contorta di quella che conosciamo.

Eminem
Eminem

C’era un verso in cui (Stan) esce dall’acqua. Scappa ed è viene a casa mia per uccidermi“, disse. “Poi ho dovuto ucciderlo prima io, ma l’ho mancato ed è stato in ospedale per tipo tre settimane. Poi si è arrabbiato perché non gli ho scritto lettere di buona guarigione, quindi è venuto a uccidermi di nuovo e, nell’ultimo verso, finalmente, gli ho semplicemente fatto saltare la testa“.

Un ingegnere ha fatto confusione sull’ultimo verso della canzone. Lo ha detto lo stesso Eminem: “Mentre stavamo registrando la terza strofa di Stan, ha iniziato a rollare una canna e mi ha chiesto se mi dispiaceva se fumava mentre tagliavamo“, ha detto. E l’ingegnere, distraendosi, ha cancellato una parte che gli piaceva molto e che, ormai, era andata.

Il video di Stan:

Stan, un trampolino di lancio per Dido

Stan ha contribuito a rafforzare la carriera di Dido. Grazie ai suoi angelici canti in nel brano, la canzone diventa più inquietante. Dal punto di vista della carriera, la canzone ha contribuito a rendere popolare il lavoro di Dido negli Stati Uniti. Il suo album di debutto del 1999, No Angel, ha venduto 15 milioni di copie in tutto il mondo dopo Stan, rendendolo il secondo disco più venduto degli anni 2000 nel suo paese natale, il Regno Unito.

La canzone parla di una storia realmente accaduta?

C’è un seguito di Stan, intitolato Bad Guy. Eminem ha rivisitato l’amara storia di Stan in questa traccia di apertura del suo album del 2013, The Marshall Mathers LP 2.

Il fratello di Stanley, Matthew Mitchell, che casualmente condivide la stessa iniziale con Marshall Mathers (MM), è cresciuto e pronto per la vendetta. Guida per 9 ore e 45 minuti fino a casa di Eminem per rapire il rapper, guidare giù dal ponte con lui e successivamente ucciderlo.

Quindi ci si può chiedere: Stan è basata su un’esperienza di vita reale? Dato lo status di fama che Eminem aveva da quando il Dr. Dre ha lanciato la sua carriera nel 1999, è altamente credibile che gli eventi di Stan siano basati su una storia vera.

Fondamentalmente, si tratta solo di pazze lettere di fan che ricevo e parla di un bambino che è davvero malato, sai cosa dice? Prende tutto quello che dico alla lettera, quindi se dico che voglio tagliarmi i polsi, vuole tagliarsi i polsi“, ha detto Eminem in un’intervista del 2000.

TAG:
eminem

ultimo aggiornamento: 10-12-2020


Taylor Swift non si ferma più: in arrivo il nuovo album Evermore

Quando Mick Jagger indossò la maglia di Paolo Rossi e pronosticò la vittoria dell’Italia