Il ritorno dei Daft Punk: il duo celebra i 25 anni di Homework con una special edition dello storico album.

Cosa sta succedendo ai Daft Punk? Da qualche ora c’è grande fermento tra i fan del duo francese di musica elettronica. A un anno di distanza dallo scioglimento che ha spezzato il cuore al mondo intero, i due dj sono tornati a far parlare di sé. Tutto è cominciato con l’apparizione sull’account social ufficiale del progetto di alcuni post misteriosi, che hanno suscitato curiosità e fatto salire l’hype. Ma cosa c’è davvero dietro questo improvviso ritorno?

Daft Punk, niente ritorno: nuova edizione per Homework

La verità è forse meno interessante rispetto a quella che i fan avrebbero sognato. Il duo non si sta per ricomporre, almeno in questo momento. Il ritorno è in effetti null’altro che l’ufficializzazione dell’uscita di una special edition per i 25 anni del loro album d’esordio, Homework, datato 20 gennaio 1997.

concerto
concerto

Il duo di musicisti francesi ha svelato i dettagli di un’edizione deluxe dello storico lavoro, che avrà all’interno quindici remix tra cui nove mai resi dispobili in streaming prima d’ora. Al progetto hanno collaborato artisti importantissimi come Masters At Work, DJ Snake, Motorbass e altri ancora. La deluxe edition sarà pubblicata il prossimo 15 aprile.

I Daft Punk si mostrano senza maschera

Dalla notizia del loro scioglimento è passato esattamente un anno. Il 22 febbraio il duo di Get Lucky aveva sconvolto il mondo con la notizia della fine della loro carriera dopo 28 anni. Oggi, 365 giorni dopo, hanno voluto dimostrare che anche ciò che finisce, non finisce mai. Su Twitch hanno infatti voluto regalare ai fan un altro momento di gioia, trasmettendo una registrazione davvero rara di un loro concerto del dicembre 1997. Un live in cui, tra l’altro, apparivano anche senza le storiche maschere.

Di seguito la clip:

Riproduzione riservata © 2022 - NM

strillo

ultimo aggiornamento: 23-02-2022


Achille Lauro pioniere: è il primo artista europeo a esibirsi nel Metaverso e del gaming

“Povero gabbiano…”: perché sui social è diventata virale una canzone di Gianni Celeste