Rock and Roll: il significato, gli artisti e una breve storia del genere musicale più rivoluzionario di sempre.

Se c’è un genere che ha avuto un impatto rivoluzionario nel mondo della musica occidentale e della cultura popolare, quello è proprio il rock and roll. Da non confondere con il rock, ovvero il genere derivato che ha conquistato il mondo dagli anni Sessanta grazie a Beatles, Rolling Stones e centinaia di altri artisti. Ma qual è il suo significato e la sua storia? Quando e nato e chi ha lo ha portato al successo prima ancora di Elvis? Scopriamolo insieme. Ecco una breve storia del rock and roll e dei suoi protagonisti.

Rock and roll: significato e storia

Il rock and roll, letteralmente ‘dondola e rotola’. Le sue origini sono state per anni oggetti di dibattito. Di fatto, attraverso una trafila quasi impossibile da ricostruire, che parte dall’Europa e dall’Africa dell’epoca della tratta degli schiavi, le radici del rock and roll possono essere considerate nella race music, la musica nera registrata a inizio Novecento (blues, rhythm and blues) e quella hillbilly e country legata ad alcuni Stati rurali degli USA, senza dimenticare il folk e il gospel.

Elvis Presley
Elvis Presley

I primordi del genere possono essere rintracciati nello swing degli anni Trenta, il primo genere afroamericano presentato e apprezzato soprattutto dal pubblico bianco. Con gli anni Quaranta l’evoluzione portò all’exploit del boogie woogie e poi, dal secondo dopoguerra, di quel jump blues e Chicago blues suonato da artisti importanti come Muddy Waters e Jimmy Reed e le rispettive band formate soprattutto da chitarre, basso e batteria (talvolta armonica, tastiere e fiati). Di fatto, molti degli elementi del rock and roll sono in tutto e per tutto rinvenibili in alcuni pezzi blues fine anni Quaranta-inizio Cinquanta.

Con l’esplosione della chitarra elettrica, degli amplificatori, dei microfoni e dei 45 giri, alcune etichette indipendenti iniziarono a promuovere una musica capace di conquistare anche il pubblico bianco, e proprio tra alcuni adolescenti bianchi benestanti nacque quella spinta propulsiva che portò di fatto a distinguere il rock and roll da quel blues swingato e rapido. La prima registrazione del nuovo genere, secondo gli storici sarebbe quella Roll ‘Em Pete di Big Joe Turner, datata 1939:

Altre ricostruzioni concedono questo merito a pezzi emblematici di artisti come Sister Rosetta Tharpe, Roy Brown, Hank Wiliams, Amos Milburn, Jimmy Preston, Albert Ammons, Fats Domino e altri ancora, tra fine anni Trenta e primi anni Cinquanta. C’è però chi preferisce dare il merito di prima incisione rock and roll vera e propria a brani ben più famosi per gli amanti del genere, quelli capaci d’imporsi subito al pubblico bianco, come Rock Around the Clock di Bill Haley e Great Balls of Fire di Jerry Lee Lewis:

Con questi pezzi siamo già nel pieno degli anni Cinquanta, e di lì a poco la rivoluzione del rock and roll verrà completata dall’arrivo di Bo Diddley e soprattutto di Chuck Berry, che con la sua Maybellene e Roll Over Beethoven cambiò la musica per sempre. Da lì in avanti fu un esplosione di successi, uno dopo l’altro, grazie a leggende come Little Richard, Gene Vincent e soprattutto il Re di Memphis, Elvis Presley, grande paladino del rockabilly, uno dei sottogeneri diretti del rock and roll. Di seguito la sua That’s All Right:

Il declino del genere secondo gli storici è arrivato tra la fine degli anni Cinquanta e i primi anni Sessanta, complice la morte di grandi protagonisti come Buddy Holly, The Big Bopper e Ritchie Valens, la chiamata alle armi di Elvis, il ritiro di Little Richard, i processi di Jerry Lee Lewis e Chuck Berry. Una serie di problemi di cronaca che di fatto ha stroncato un’età dell’oro del rock and roll, dando così la spinta propulsiva all’arrivo di nuovi generi musicali, come quelli portati negli USA dalla British Invasion.

E l’Italia?

Ovviamente, anche nel nostro paese l’onda lunga del Rock and Roll portò a un’improvvisa esplosione del genere e dei cosiddetti urlatori. Nel 1956 ruppe il ghiaccio il Quartetto Cetra, con la loro versione di Rock Around the Clock, ovvero L’orologio matto:

I maggiori interpreti del genere in Italia furono però altri: da Adriano Celentano a Little Tony, passando per Ghigo, i Due Corsari (Giorgio Gaber ed Enzo Jannacci), Tony Renis, Peppino Di Capri, i Ribelli, i Campioni e altri ancora. L’evento clou per la storia del rock italiano fu il Festival del rock and roll organizzato dal ballerino Bruno Dossena e tenuto il 18 maggio 1957 al Palazzo del Ghiaccio di Milano, che segnò di fatto il trionfo di giovani stelle proprio come Celentano.

TAG:
strillo

ultimo aggiornamento: 19-04-2021


Calcutta, il cantautore indie più amato d’Italia

In memoria di Avicii, il dj svedese morto a 28 anni