Hard rock: gruppi e storia del genere derivato dal rock and roll più popolare negli anni Settanta e Ottanta.

L’hard rock è uno dei generi di maggiore importanza del Novecento. Figlio legittimo del rock and roll e del blues rock, ha raggiunto l’apice tra gli anni Settanta e Ottanta, mantenendo una certa popolarità anche negli anni Novanta e lasciandosi dietro una serie di ‘figli’ legittimi o meno, tra cui l’heavy metal. Andiamo a scoprire le sue caratteristiche, la sua storia e gli artisti più famosi.

Hard rock: caratteristiche

L’hard rock, come può far intuire il nome, è una variante più aggressiva della musica rock. Un’evoluzione più grintosa o, se vogliamo, ‘rumorosa’. La chitarra viene spesso enfatizzata tramite distorsione o altri effetti, la batteria diventa più preminente, il basso funge da accompagnamento e raramente viene utilizzato per i riff, le voci diventano ringhianti, e spesso si fa utilizzo di falsetto.

chitarra elettrica rock
chitarra elettrica rock

Spesso incentrato, dal punto di vista lirico, su tematiche inerenti la sessualità e la virilità (complice un pubblico negli anni d’oro formato soprattutto da uomini), viene spesso confuso con l’heavy metal, genere da questo derivato. In effetti la linea di confine è labile, e spesso per gruppi e canzoni appartenenti a entrambe le storie, si usa la dicitura hard’n’heavy. Al Qualche differenza comunque è evidente: ad esempio nell’hard rock, specialmente in quello delle origini, la presenza di swing nei riff è preponderante, al contrario di quanto accade in quelli heavy metal.

Breve storia dell’hard rock

Di hard rock si è iniziato a parlare sul finire degli anni Sessanta, anche se qualcuno sostiene che i primi gruppi di questo genere fossero già quelli più importanti del precedente rock and roll o del blues rock, come i Rolling Stones o Jimi Hendrix. Che l’influenza principale derivi da lì è ormai certo. Stones, Yardbirds, Who, Cream, ma anche Kinks e Beatles, contribuirono a portare il rock verso sonorità più dure, con riff pesanti, batterie pestate e cantato aggressivo, caratteristiche tipiche dell’hard rock. Basti pensare a brani come You Really Got Me dei Kinks o la celeberrima Helter Skelter:

Ben prima di diventare riconoscibile come marchio (Hard Rock Cafè dice nulla?), il genere di fatto nacque con l’arrivo sul mercato di due gruppi fondamentali: Led Zeppelin e Deep Purple. Il gruppo di Jimmy Page, che già con gli Yardbirds aveva iniziato a sviluppare uno stile duro e riconoscibile, diede il via a un’epoca incredibile con Led Zeppelin del 1969, mentre i Purple, dopo una triade di album di marca psichedelica/art rock, virarono verso sonorità dure dal quarto disco, In Rock del 1970, ponendo le basi anche per la nascita dell’heavy metal insieme ai contemporanei Black Sabbath. In men che non si dica tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Settanta gruppi di questo genere si susseguirono a frotte: era nata una nuova wave, era nato un nuovo movimento, era nato l’hard rock. Di seguito Speed King dei Deep Purple:

Per tutti gli anni Settanta l’hard rock si sviluppò e s’indirizzò in correnti tra loro molto differenti. Ad esempio, molti gruppi del genere confluirono nel filone prog, peraltro già nato alcuni anni prima con gruppi come King Crimson e Jethro Tull. Ma anche il nascente glam rock prese in prestito la gran parte delle caratteristiche dell’hard rock, portandole però verso un mondo pop legato all’arte e all’apparenza. In questo filone s’inserirono polietrici artisti come David Bowie, i Roxy Music e i T. Rex, ma anche gruppi più vicini all’hard rock come Queen, Slade e Kiss. Di seguito Rock and Roll All Nite:

Contemporaneamente hard rock e blues rock continuano a evolversi a braccetto, complice la nascita di complessi quali gli ZZ Top o gli Allman Brothers Band, tra i pionieri del cosiddetto southern rock. E sul finire del decennio si sviluppò una nuova corrente, l’AOR (adult oriented rock), che si distingueva dall’hard rock delle origini per uno stile più melodico, arrangiamenti più raffinati e produzioni meno grezze. In altre parole per una maggiore vendibilità radiofonica, che determinò il successo di gruppi come Bad Company, Foreigner, Journey, Boston, REO Speedwagon e così via. Riascoltiamo Can’t Fight This Feeling:

Slegato dall’hard rock, ma sua emanazione diretta, fu anche negli anni Settanta il punk. Basti pensare a quel novero di band definite proto-punk che partirono da sonorità e stilemi di base provenienti proprio dall’hard. Basti pensare agli Stooges di Iggy Pop, ai New York Dolls o agli MC5.

Negli anni Ottanta la fama del genere continuò grandi difficoltà, anche se l’hard rock delle origini perse mordente e venne sostituito da una variante pop del filone heavy metal, diretta emanazione del glam rock. Nacque sul finire degli anni Settanta il glam metal (o hair metal), che conquisterà le classifiche e la neonata Mtv fino all’esplosione del grunge, altra emanazione in chiave moderna dell’hard rock, ma ormai solo lontana parente.

Gruppi hard rock più importanti e famosi

Difficile individuare i gruppi tipicamente e puramente hard rock. Di fatto, le band più importanti di questo genere hanno saputo muoversi agevolmente tra i filoni più commerciali a quelli più duri, mostrando una grande versatilità. Proviamo a elencare una serie di gruppi da cui poter partire se si vuole riscoprire l’evoluzione del genere: Deep Purple, Led Zeppelin, Black Sabbath, Queen, AC/DC, Aerosmith, Uriah Heep, Rainbow, Rush, Blue Cheer, Kiss, Slade, New York Dolls, ZZ Top, Status Quo, Grand Funk Railroad, Bad Company, Journey, REO Speedwagon, Nazareth, Sweet, Cheap Trick, Riot, Scorpions, Blue Oyster Cult, Thin Lizzy, UFO, Van Halen e tanti altri ancora.

TAG:
hard rock strillo

ultimo aggiornamento: 08-04-2021


Chi è Caterina Valente, la cantante da Guinness di Bongo cha cha cha

Tutto quello che non sai su Patty Pravo, la ragazza del Piper