Riccardo Onori: la carriera, la vita privata e tutte le curiosità sul chitarrista toscano, storico collaboratore di Jovanotti.

C’è un talento che è sconosciuto al grande pubblico, almeno di nome, ma fondamentale per il successo di un artista straordinario come Jovanotti. Stiamo parlando di Riccardo Onori, un chitarrista eccezionale, compositore e produttore discografico, tra l’altro, per decine di altri artisti. Un personaggio che ha lavorato a tantissimi album di grande successo in Italia, e che ha suonato anche sul palco di Sanremo in più occasioni. Andiamo a scoprire alcune curiosità sulla sua carriera e la sua vita privata.

Chi è Riccardo Onori

Riccardo Onori è nato a Prato il 26 marzo 1969 sotto il segno dell’Ariete. Appassionato di musica fin da ragazzino, comincia a suonare la chitarra non prestissimo, a 14 anni, studiando chitarra classica presso il conservatorio Scuola di Musica di Fiesole. S’innamora del jazz e, ormai grandicello, inizia a collaborare con alcuni importanti gruppi del panorama fiorentino e non solo, come Edipo e il suo Complesso e soprattutto Diaframma.

Chitarrista
Chitarrista

Entra nel 1994 nell’Orchestra Europea del Paese degli Specchi, con cui si toglie diverse soddisfazioni, e dall’anno successivo inizia a collaborare con il gruppo Dirotta su Cuba. Nel 1997 con la band toscana fa il debutto al Festival di Sanremo.

Nello stesso anno comincia a lavorare con un’altra staordinaria voce fiorentina, Irene Grandi, con cui partecipa in qualità di co-autore e musicista agli album Per fortuna purtroppo e Verde rosso e blu. La svolta della sua carriera e della sua vita arriva nel 2001, quando entra ufficialmente nel team di Jovanotti. Il grandissimo cantautore lo porta con sé in tutti i suoi concerti in Italia e all’estero e lavora con lui alle registrazioni di tutti i suoi album.

Tra le canzoni di Cherubini che portano anche la sua firma in questi anni ricordiamo alcuni successi straordinari come Mi fido di te, Fango, Safari, Mezzogiorno e altri ancora:

Anche Baciami ancora porta la sua firma, un brano apprezzatissimo che conquista il David di Donatello 2010 per la miglior canzone originale grazie alla presenza nella colonna sonora dell’omonimo film di Gabriele Muccino. Sono anni di grandissimi successi e soddisfazioni, con tour che lo portano insieme a Jovanotti a girare il mondo intero. Il palco dell’Ariston lo ritrova invece nel 2017, quando partecipa con Samuel dei Subsonica e la sua Il codice della bellezza.

Il suo debutto da solista arriva nel 2018 con l’album Sonorista, mentre l’anno dopo partecipa al Jova Beach Party di Jovanotti. Con lo stesso cantautore di Cortona firma anche Apri tutte le porte, il brano che presenterà Gianni Morandi a Sanremo (accompagnato dallo stesso Onori).

La vita privata di Riccardo Onori: moglie e figli

Non sappiamo se il celebre chitarrista abbia una moglie e dei figli, ma sappiamo che è molto attivo sui social. Su Instagram ha un account da decine di migliaia di follower.

Sai che…

– Nel 2003 è entrato nel Collettivo Soleluna creato da Jovanotti con Saturnino, Giovanni Allevi e altri grandi artisti.

– Ha preso parte all’incisione del brano Domani dedicato alle vittime del terremoto in Abruzzo.

– Ha lavorato con artisti straordinari come Mike Patton nel progetto Mondo Cane.

– Tra gli artisti con cui ha lavorato ci sono anche Max Gazzè, Alex Britti, Jarabe de Palo, Cesare Cremonini, Giuliano Sangiorgi e tanti altri.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

strillo

ultimo aggiornamento: 01-02-2022


Chi è Enrico Melozzi, il direttore d’orchestra più rock di Sanremo

Le curiosità su Fiorello: dalla benedizione dei cornetti al successo