Limahl: la carriera, la vita privata e tutte le curiosità sul cantante famoso soprattutto per la canzone The Neverending Story.

Limhal è una vera e propria icona degli anni Ottanta. Famoso inizialmente come frontman dei Kajagoogoo, uno dei tanti gruppi new romantic diventati famosi in quegli anni, deve la sua fortuna soprattutto al successo da solista, in particolar modo grazie alla hit The NeverEnding Story, brano principale della colonna sonora dell’omonimo cult movie di Wolfgang Petersen. Scopriamo insieme alcune curiosità sulla sua carriera e la sua vita privata.

Chi è Limahl: biografia

Christopher Hamill, questo il vero nome di Limhal, è nato a Wigan il 19 dicembre 1958 sotto il segno del Sagittario. Appassionato di musica e teatro fin da ragazzo, inizia a muovere i primi passi nel mondo della musica in alcuni gruppi locali, non particolarmente fortunati. Dopo aver lanciato quindi un paio di singoli da solista, risponde a un annuncio e si aggiunge a una band chiamata Art Nouveau. Dal suo ingresso il gruppo sceglie di cambiare nome: nascono i Kajagoogoo.

Microfono cantante
Microfono cantante

Il loro primo singolo, Too Shy, diventa subito un successo e arriva al primo posto della classifica britannica, dando slancio al loro primo album, White Feathers, uscito di lì a poco. All’apice del successo il manager della formazione convince però i suoi compagni ad allontanarlo, convinto che le fortune della band non dipendessero da lui, e altrettanto sicuro che in questo modo i guadagni sarebbero stati divisi per quattro invece che per cinque, con più denaro per tutti. Limahl viene così improvvisamente licenziato, di punto in bianco. Una pugnalata alle spalle dal quale avrebbe potuto non riprendersi più. Invece, si rivela una svolta per la sua carriera, che di lì in avanti riparte con nuove premesse.

La carriera di Limhal

Una volta uscito dalla band, Limahl decide di andare avanti sulla sua strada, riprendendo quel percorso solista solo abbozzato in gioventù. Dopo aver debuttato con il brano Only for Love, raggiunge il vero successo internazionale cantando The NeverEnding Story, canzone simbolo del film La storia infinita, un cult movie tra i più amati di quel decennio. Composta da Giorgio Moroder, la canzone raggiunge la top 5 di ben diciassette Paesi, raggiungendo il numero 1 in Inghilterra e scalando quasi fino ai vertici anche la classifica americana.

Forte di questo straordinario exploit internazionale, Limahl debutta con l’album solista Don’t Suppose, che grazie alla spinta della sua hit ottiene ottimi riscontri. Proprio quando tutto sembra andare a gonfie vele, però, la sua carriera inizia una parabola discendente improvvisa. Dopo The NeverEnding Story non riesce più a piazzare canzoni ai vertici delle classifiche dell’Europa settentrionale e continentale.

Continua però a ottenere buoni riscontri tra Italia e Spagna. Proprio il nostro Paese diventerà una sorta di seconda casa per lui in questo periodo, consentendogli di recuperare una parte della fama persa nella madrepatria. Negli anni Novanta, tra un flop e l’altro, riesce a infilarsi nel filone nostalgico per il decennio precedente e diventa così uno dei protagonisti più richiesti nei vari revival che negli ultimi venti-venticinque anni si sono avuti in giro per tutto il mondo. Cosa fa oggi Limahl? Dopo essersi riavvicinato ai Kajagoogoo continua nella sua carriera da vecchia star impegnata più a far rinverdire i suoi fasti, piuttosto che nel creare nuova musica.

Limahl: la discografia da solista in studio

1984 – Don’t Suppose
1986 – Colour All My Days
1992 – Love Is Blind

La vita privata di Limahl

Limahl non ha mai nascosto la sua omosessualità. Tuttavia, anche nel momento di maggior successo ha sempre preferito far rimanere segreti i dettagli relativi alla sua vita privata.

Sai che…

– Nel 2019 la sua The NeverEnding Story è ritornata in auge grazie alla terza stagione di Stranger Things.

– Il suo nome d’arte altro non è che un anagramma del suo cognome.

– Nei primi anni Novanta fece scalpore una sua foto pubblicata dai quotidiani che lo ritraeva all’uscita di un ufficio di collocamento. Divenne in quel periodo il simbolo della star decaduta.

– Su Instagram Limhal ha un account da diverse migliaia di follower.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

strillo

ultimo aggiornamento: 10-09-2022


Chi è Taboo, rapper dei Black Eyed Peas

Tutto su Moby, il dj che dormiva nei palazzi abbandonati di New York