Carlo Verdone: la musica, l’amore per il rock e quella carriera mai decollata del tutto da batterista. Tutto quello che non sai sul regista e attore romano.

Carlo Verdone è stato ed è ancora oggi uno dei più grandi attori e registi della nostra commedia. Uno dei pochi in grado di descrivere con dei caratteri iconici i pregi e i difetti del popolo italiano, declinato in tutte le sue possibili forme, dimensioni e nei suoi differenti ceti sociali. Se siamo qui a scrivere qualcosa sulla sua carriera, però, non è per il lato squisitamente cinematografico, ma per quella passione per la musica che ne ha contraddistinto la filmografia dagli inizi a oggi. Una passione nata tra i banchi di scuola che non si è spenta mai.

Carlo Verdone: la musica nei suoi film

Se c’è un regista italiano che potrebbe essere chiamato a ricoprire il ruolo di critico musicale senza trovarsi a disagio, quello è proprio Carlo Verdone. Basti pensare ai suoi film, che hanno sempre mostrato un’attenzione maniacale per la musica.

Carlo Verdone
Carlo Verdone

Se d’altronde già agli esordi nel 1980 con Un sacco bello, grazie anche al supporto del maestro Sergio Leone, ha potuto contare sulla colonna sonora del compianto Ennio Morricone, un motivo ci sarà. Carlo e la musica hanno sempre avuto un rapporto d’amore costante, rintracciabile in tutta la sua filmografia.

Pensiamo a Borotalco del 1983, un film accompagnato splendidamente dalla da citazioni di Lucio Dalla all’interno di una colonna sonora firmata da Fabio Liberatori, tastierista degli Stadio. Proprio il gruppo di Gaetano Curreri ha poi concesso uno dei propri brani simbolo, Acqua e sapone, per l’omonimo film di Carlo.

Se pensiamo poi alla sua passione per il rock, non può non balzare alla mente Maledetto il giorno che t’ho incontrato, un film con protagonista un giornalista musicale desideroso di scrivere una biografia su Jimi Hendrix, uno dei miti di Verdone. E come dimenticare la scena memorabile di Viaggi di nozze, quel dialogo con una fenomenale Claudia Gerini in cui si citano Morphine, Nirvana, Megadeth, Santana, Pearl Jam e Black Sabbath:

Carlo Verdone batterista

Cultore del rock e a sua volta fortunato protagonsita di incontri con rockstar del calibro di Jimmy Page e David Bowie, Verdone è anche un batterista. Non ha mai trovato la sua strada nel mondo dell amusica, ma qualche esperienza importante l’ha fatta, come quella in studio con Antonello Venditti per album come In questo mondo di ladri, Dalla pelle al cuore e Unica, da cui ci risentiamo La ragazza del lunedì:

Ma se pensiamo che la passione per la musica del regista romano sia rivolta solo al passato ci sbagliamo. Basti pensare al suo rapporto quasi genitoriale con Tommaso Paradiso, che lo ha più volte omaggiato, o anche alla partecipazione recente al video di Che poi di Carl Brave. Una dimostrazione non solo di amore, ma anche di apertura mentale verso un mondo, quello della musica, spesso causato da fanatismi fin troppo esacerbati. Ed è anche per questo che tutti noi lo amiamo.

TAG:
Carlo Verdone strillo

ultimo aggiornamento: 17-11-2020


Chi è Roshelle, la cantante dai capelli rosa

Chi è Esa Abrate, il cantante che cerca una rivincita ad Amici 20