Travis Scott su Fortnite: i concerti del rapper americano nel videogioco più famoso al mondo.

Dopo un’attesa di qualche settimana, sono iniziati i concerti virtuali di Travis Scott su Fortnite. Il celebre rapper americano è il secondo artisto coinvolto da Epic Games con spettacoli organizzati sulla propria piattaforma di gioco.

Se lo scorso anno era toccato al deejay Marshmello, stavolta lo spettacolo è stato assicurato da una delle star della musica mondiale. E il risultato è stato un coinvolgimento straordinario.

Travis Scott in concerto su Fortnite

La prima esibizione virtuale di Travis è andata in scena il 24 aprile. Altre repliche sono previste per tutto il weekend.

Il concerto è durato pochi minuti, ma è riuscito a soddisfare tutti i fan presenti sulla piattaforma.

Con un anticipo di circa mezz’ora rispetto all’inizio dello show, uno speaker di origini aliene si è schiantato sulla mappa del gioco, diventato d’un tratto oscuro. E da quell’oscurità è venuta fuori la sagoma olografica di Travis Scott, che ha trasformato il mondo virtuale di Fortnite in un grande palcoscenico.

Travis Scott
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/travisscottlaflame

Com’è stato il concerto di Travis Scott su Fortnite?

Lo show del rapper è stato aperto dalla super hit Sicko Mode. Nel corso dell’evento sono state cantate alcune delle sue canzoni di maggior successo, e nel finale è stato anche anticipato quello che sarà il suo prossimo singolo.

Il tutto senza lesinare un grande spettacolo scenografico, tra coreografie eccezionali e un livello di interazione con il pubblico pazzesco.

Il concerto sarà replicato ancora una volta il 24 e andrà in scena anche il 25 e 26. E anche se la curiosità sarà minore, siamo certi che ogni show sarà ancora un successo. Ecco il video dell’intero concerto dell’artista americano:

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/travisscottlaflame

TAG:
news Travis Scott

ultimo aggiornamento: 24-04-2020


Times Like These dei Foo Fighters diventa un inno contro il Coronavirus

Pavarotti: su Rai 1 il docufilm firmato da Ron Howard