Sanremo 2020: Mogol direttore artistico con Amadeus alla conduzione?

Sanremo 2020, Amadeus sarà il conduttore del 70° Festival: per il settimanale Chi ormai manca solo la firma. Restano dubbi sul direttore artistico.

Amadeus condurrà il Festival di Sanremo 2020, quello dell’edizione numero 70. Manca ancora l’ufficialità, ma ormai i giochi sembrano fatti, secondo quanto rivelato in anteprima già ad aprile dal settimanale Chi. Un’indiscrezione più che corposa e ricca di ulteriori dettagli.

Perché è vero che al prossimo Festival manca ancora tanto, ma i preparativi sono già cominciati e anzi starebbero procedendo spediti. Ecco tutti i dettagli su questo colpo di scena che, di fatto, spazza via definitivamente le voci su un Baglioni-tris.

Sanremo 2020: il presentatore è Amadeus

Sarà dunque un volto noto di casa Rai quello che avrà il compito di guidare l’edizione del 70esimo anniversario del Festival della canzone italiana. Un onore non da poco per il popolare presentatore, che non era mai riuscito a vincere la concorrenza per arrivare al traguardo più ambito della carriera di ogni uomo dello spettacolo.

Tuttavia ad Amadeus dovrebbe spettare ‘solo’ il compito di condurre il Festival. La Rai a quanto pare è infatti ancora in cerca di qualcuno che possa ricoprire la carica di direttore artistico, nonostante il tentativo del presentatore e del suo entourage di prendersi anche questa carica.

La Rai però preferirebbe affidare un ruolo così delicato a un personaggio più addentro al mondo della musica. E ci sono anche qui già le prime indiscrezioni…

Amadeus
Amadeus

Il direttore artistico del 70° Festival della canzone italiana

Negli scorsi mesi si era diffusa la voce di un possibile ritorno di Carlo Conti in un ruolo già ricoperto in passato. Il noto presentatore toscano avrebbe in questo caso affiancato Amadeus, di fatto dividendosi con lui i compiti.

Ma era stato lo stesso Conti a far sfumare questa ipotesi, dichiarando al Maurizio Costanzo Show che è ancora presto per parlare di queste cose. Eppure, in Rai la pensano diversamente.

Un’autocandidatura, attraverso la voce del figlio Massimiliano Pani, era stata quella della grande Mina. Anche l’ad Rai, Fabrizio Salini, era sembrato interessato a questa ipotesi molto affascinante.

Sullo sfondo rimane la possibilità di un ritorno di Tony Renis, ma in pole ci sarebbe un altro grande nome della musica italiana. Secondo quanto riferito da Blogo, il nuovo direttore artistico potrebbe essere Mogol.

Già presidente della SIAE, il più celebre paroliere italiano potrebbe essere effettivamente uno dei nomi giusti per portare nella settantesima edizione del Festival canzoni che possano avere un buon impatto sul pubblico.

Di seguito il video di Soldi di Mahmood, la canzone che ha vinto il Festival di Sanremo 2019:

ultimo aggiornamento: 21-06-2019