Sam Smith progetta un nuovo album dopo il successo di In the lonely hour del 2014.

Reduce dall’esibizione al Dolby Theatre, dove ha eseguito Writing on the Wall, Sam Smith pensa anche al futuro e ad un nuovo progetto. Artista vocalmente dotato, Smith ha un falsetto molto preciso e riconoscibile e ha raggiunto il successo grazie al primo disco, quello che risale al 2014. Dopo la pubblicazione di In the lonely hour la fama di Sam Smith è cresciuta, grazie anche a singoli come Stay with me, che hanno fatto da apripista al disco.

Il nuovo album è già in cantiere

L’artista ha in programma un nuovo album, come ha confessato in una lunga intervista a Billboard, e ha fatto un bilancio della strada fin qui percorsa: Ci sono alcune canzoni che odio davvero, ma poi il cuore dell’album mi piace molto e sono davvero fiero del modo in cui suonano, perché le ascolto ancora adesso e le amo molto.

Poi sul nuovo album, che a quanto pare è più di un progetto: Nel disco al quale sta lavorando, ci saranno alcuni cambiamenti ma nulla di completamente rivoluzionario. La musica che sto facendo in questo momento è una bella ma piccola transizione da quel sound. E’ fantastico, sta venendo fuori del materiale davvero profondo.

La rabbia per l’esibizione all’Oscar

Il disco potrebbe arrivare entro il 2016 ma nel frattempo oltre alla preparazione del disco c’è qualcosa nei pensieri di Sam Smith, perché l’artista non è affatto soddisfatto della performance di Los Angeles della scorsa domenica, quando in mondovisione ha eseguito la colonna sonora dell’ultimo 007. A Radio BBC 1 Sam Smith ha detto: L’esibizione su quel palco è stato il peggior momento della mia vita artistica. Ho odiato ogni singolo istante di quella performance e ho chiesto ai miei amici e alle persone che mi sono vicine di non mostrarmela o ricordarmela finché campo.

TAG:
album sam smith evidenza oscar sam smith Sam Smith sam smith 007

ultimo aggiornamento: 04-03-2016


Spotify crea Fresh Finds, la playlist che raccoglie gli artisti emergenti più interessanti

Laura Pausini, ufficiale: ecco il Premio Dial