Rubano il telefono a Fabio Rovazzi, ma è una trovata pubblicitaria
Vai al contenuto

Rubano il telefono a Fabio Rovazzi, ma è una trovata pubblicitaria

Fabio Rovazzi

Fabio Rovazzi è stato vittima di un furto che si è rivelato un fake: era una trovata pubblicitaria per lanciare il suo nuovo singolo.

Mentre Fabio Rovazzi faceva una live in corso Garibaldi a Milano, un ragazzo gli si è avvicinato e gli ha strappato il telefono di mano lasciando gli utenti connessi con il fiato sospeso. All’inizio tutti pensavano ad uno spiacevole incidente, poi è stata svelata la verità: si trattava semplicemente di una trovata pubblicitaria per lanciare il nuovo singolo intitolato “Maranza“.

Fabio Rovazzi: la smentita sui social

Prima della smentita fatta dallo stesso Rovazzi, il video del furto è diventato virale online alimentando le ormai diffuse polemiche sull’impatto della microcriminalità a Milano. Poi il cantante, tramite un post su Instagram, ha spiegato che era tutto finto e che presto uscirà il suo nuovo singolo in collaborazione con il Pagante.

Ho pensato a un’idea divertente di marketing da utilizzare per lanciare in maniera inusuale l’uscita del mio brano con Il Pagante, senza preventivare che questo potesse creare un cortocircuito mediatico così ampio” – spiega Rovazzi.

Ho solo messo in scena una barra del pezzo che abbiamo scritto: – /Giravo in Corso Como/Si è avvicinato un uomo/Mi ha chiesto una Marlboro e l’orologio/Non so che ore sono/In tasca sento un vuoto/Mi hanno pullappato (mi hanno derubato)/ Con una moto/ Ora ho un sogno solo/Vorrei diventare come uno di loro/Un maranza“.

“Maranza”: il nuovo singolo di Rovazzi e il Pagante

Fabio Rovazzi
Fabio Rovazzi

“Maranza”, che sarà disponibile su tutte le piattaforme di streaming a mezzanotte, si propone di offrire uno spaccato ironico e critico sul fenomeno dei “maranza” milanesi. Si tratta di soggetti caratterizzati da un abbigliamento distintivo che include lenti a specchio, borselli a tracolla, orologi preziosi e abbigliamento sportivo di marca.

I maranza rappresentano una figura urbana contemporanea che Rovazzi intende esplorare e satirizzare attraverso la sua musica. Con i suoi toni dissacranti, il singolo promette di attirare l’attenzione sia per la sua originale campagna promozionale, sia per il messaggio e l’energia che trasmette.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 13 Maggio 2024 15:42

Arisa rivela: “Per un uomo sono ingrassata 13 chili”