Renato Zero, 6 date a Roma: “Stupirò i miei fan e i loro figli”

Il mitico Renato Zero torna a incantare i suoi “sorcini” e lo fa (anche) con sei imperdibili date al Palalottomatica di Roma.

chiudi

Video della settimana: Cosa lega Kurt Cobain ad Amy Winehouse?
Caricamento Player...

Nessuno a Roma è amato quanto Renato Zero, perlomeno tra i cantanti, e lui non intende deludere i suoi fan: il cantautore torna a Roma al Palalottomatica per sei date, il 6, 7, 9, 10, 13 e 14. Difficile stancare Renato Zero, uno che da decenni fa concerti che per molti altri sarebbero “massacranti”: tre ore, perché, come afferma lui stesso, meno proprio non può. E, dopotutto, come dargli torto? Il suo è uno dei repertori più ricchi e più belli della musica italiana. I suoi fan riempiono gli stadi e i palazzetti perché vogliono sentire i pezzi che hanno fatto la storia della sua e della nostra vita, in qualche modo, ma vogliono sentire anche i brani più recenti. Renato accontenta tutti: il suo pubblico ma anche i loro figli e i loro nipoti, in concerti che sono sempre diversi.

Il 2/12 esce “Arenà”

L’atteso cofanetto “Arenà, Renato Zero si racconta” sta ormai per uscire: la data x è il 2 dicembre. Nel box saranno contenuti tre cd che costituiscono il best of dei live tenuti all’Arena di Verona nello scorso giugno.

Non mancheranno, sia nel cofanetto che nei live di Roma, le canzoni di “Alt!”, il suo ultimo disco di inediti. Un album che si è rivelato un incredibile successo, piazzandosi al primo posto nella classifica FIMI sin dal giorno di uscita. L’affetto dei sorcini per il loro Renato si rinnova album dopo album, concerto dopo concerto, perché lui non si risparmia e, dice, mantiene intatta la sua Zerofollia.

L’importanza della musica

Di recente Renato Zero è stato ospite di Pippo Baudo a “Domenica In” e ha parlato della musica come di qualcosa che non è mai una perdita di tempo.

“Cerchiamo di riconoscerci nella fabbrica dell’impegno e della coesione. La cultura e la musica sono una contaminazione meravigliosa e non una perdita di tempo.”

Parole che, già da sole, fanno capire quanto per Renato Zero la musica sia un altissimo valore e l’artista abbia un compito importante: rappresentare il pubblico e parlare attraverso di lui.