L’esponente della world music aveva 66 anni: Papa Wemba è stato stroncato da un malore nel corso di un concerto in Costa d’Avorio.

Stroncato da un malore a 66 anni, mentre era sul palco: Papa Wemba, uno degli esponenti di spicco della world music, è morto il 24 aprile, durante un concerto. Si trovava ad Abidjan, in Costa d’Avorio, e nel corso dell’esibizione è caduto all’indietro mentre il resto dei musicisti che si trovavano sul palcoscenico con lui non si sono subito accorti di quanto stava accadendo, andando poi a soccorrerlo pochi secondi dopo. Subito i soccorritori hanno tentato di fare qualcosa ma per Papa Wemba è stato tutto inutile. Le cause della morte potrebbero riportare ad una malattia di origine neurologica per la quale era stato ricoverato a Parigi nell’ultimo periodo.

Gli inizi della carriera: la prima band gli Zaiko Langa Langa

Quel malore aveva infatti portato anche a cancellare alcuni dei concerti già fissati dall’artista. Papa Wemba, poi, era tornato a suonare sul palco e in occasione del concerto di Abidjan ha avuto un malore che gli è purtroppo costato la vita. Musicista ma anche attore: Papa Wemba aveva preso parte a tre film.
La sua carriera si sviluppa tra il 1970 e il 1974, quando registra quattro album con la band Zaiko Langa Langa. In seguito, insieme a Evoloko, Mavuela Somo e Bozi Boziana fonda i Isifi Lokole, con cui registra altri due dischi tra il 1975 e il 1976. Poi la carriera da solista e l’ultimo album, Maître D’école, che risale al 2014.

Papa Wemba l’usignolo

Il regista Bernardo Bertolucci aveva scelto due sue canzoni per il film L’assedio. Papa Wemba era detto l’usignolo ed era considerato l’esponente di spicco dell’afro-pop, il re della rumba africana.

Questo il video diffuso su Youtube: è il momento in cui i musicisti sul palco si accorgono del malore che ha colpito (e che poi stroncherà) Papa Wemba.

https://www.youtube.com/watch?v=cl8dPlbg-Fk
Fonte immagine: Commons


Gastel, l’intera raccolta del mondo musicale

Adele è l’artista under 30 inglese più ricca