Pitchfork ha stilato una propria personale lista dei 50 album migliori del 2021: ecco chi si trova al primo posto della classifica.

Il 2021 sta per concludersi e – come ogni anno – si tirano le somme sui mesi trascorsi. Lo stesso ha fatto Pitchfork che, a ridosso delle festività natalizie, ha pubblicato la propria lista dei 50 migliori album del 2021, che – secondo il sito – sono stati prodotti da ambienti inaspettati, caratterizzati da elementi innovativi e coinvolgenti. Diversi gli artisti che si sono distinti in questo senso. Scopriamo insieme la lista dei migliori album stilata da Pitchfork per l’anno che sta per terminare.

Disco di vinile
Disco di vinile

Pitchfork, la top 5 dei migliori album del 2021

Pitchfork ha messo giù una lista di 50 migliori album del 2021, secondo il proprio modo di vedere e concepire le novità musicali che hanno caratterizzato l’anno quasi volto a termine. Al primo posto, troviamo Jazmine Sullivan con Heaux Tales, un album che si rivolge a tutte quelle donne intrappolate in una soffocante foschia di stereotipi. La vulnerabilità, per come la vede lei, è un fardello ciclico, sempre scomodo, fraterno. Il semplice atto di possedere e condividere i difetti dell’altro può generare qualcosa che assomiglia alla crescita. La catarsi è possibile perché la Sullivan sceglie di amplificare le storie negative delle donne, trasformandole in vere e proprie purghe. Il video di Pick Up Your Feelings:

Al secondo posto troviamo L’Rain con Fatigue: in questo album, l’artista Taja Cheek – questo il suo vero nome – parla della natura del dolore e del cambiamento, dei pensieri sviati e oscuri. Attraverso questi vividi frammenti, la visione del mondo di Cheek emerge chiaramente: il modo migliore per raggiungere la crescita è attraverso l’esplorazione senza ostacoli.

In terza posizione, c’è Tyler, the Creator con Call Me If You Get Lost che funge da omaggio formale ai mixtape rap dell’anni Zero. Ed è un concept sulla vita di lusso narrato dall’alter ego dell’artista con la pelliccia, Sir Tyler Baudelaire e mescolando ritmi dal jazz al reggae, fino al bossa nova.

Al quarto posto, Pitchwork inserisce Floating Points /Pharoah Sanders/ The London Symphony Orchestra: con Promises, un pezzo ibrido elettronico/jazz/orchestrale realizzato in un’ottica di estrema fusione di generi. Al quinto posto, infine, troviamo i Low con Hey What: un album che rappresenta, per la rivista, un viaggio strano e tortuoso che mostra all’ascoltatore un territorio nuovo mai esplorato dai membri del gruppo.

La lista completa

Di seguito, vi elenchiamo la lista completa degli album che si trovano nella top 50 stilata dal sito Pitchfork per l’anno 2021:

  1. Jazmine Sullivan: Heaux Tales
  2. L’Rain: Fatigue
  3. Tyler, the Creator: Call Me If You Get Lost
  4. Floating Points / Pharoah Sanders / The London Symphony Orchestra: Promises
  5. Low: HEY WHAT
  6. Turnstile: Glow On
  7. The Weather Station: Ignorance
  8. Mdou Moctar: Afrique Victime
  9. Playboi Carti: Whole Lotta Red
  10. Dry Cleaning: New Long Leg
  11. Faye Webster: I Know I’m Funny haha
  12. Arooj Aftab: Vulture Prince
  13. Tirzah: Colourgrade
  14. Japanese Breakfast: Jubilee
  15. Snail Mail: Valentine
  16. MIKE: Disco!
  17. Cassandra Jenkins: An Overview on Phenomenal Nature
  18. Grouper: Shade
  19. Dean Blunt: Black Metal 2
  20. Mach-Hommy: Pray for Haiti
  21. Olivia Rodrigo: SOUR
  22. Dawn Richard: Second Line: An Electro Revival
  23. black midi: Cavalcade
  24. Nala Sinephro: Space 1.8
  25. Indigo De Souza: Any Shape You Take
  26. Armand Hammer and the Alchemist: Haram
  27. Moor Mother: Black Encyclopedia of the Air
  28. Spirit of the Beehive: ENTERTAINMENT, DEATH
  29. Little Simz: Sometimes I Might Be Introvert
  30. Claire Rousay: a softer focus
  31. Wiki: Half God
  32. Adele: 30
  33. Xenia Rubinos: Una Rosa
  34. The War on D****: I Don’t Live Here Anymore
  35. Illuminati Hotties: Let Me Do One More
  36. Lost Girls: Menneskekollektivet
  37. RP Boo: Established!
  38. Navy Blue: Song of Sage: Post Panic! / Navy’s Reprise
  39. Loraine James: Reflection
  40. Erika de Casier: Sensational
  41. Lingua Ignota: Sinner Get Ready
  42. Vijay Iyer / Linda May Han Oh / Tyshawn Sorey: Uneasy
  43. Hand Habits: Fun House
  44. Sofia Kourtesis: Fresia Magdalena EP
  45. aya: im hole
  46. Helado Negro: Far In
  47. dltzk: Frailty
  48. Ka: A Martyr’s Reward
  49. Magdalena Bay: Mercurial World
  50. Yasmin Williams: Urban Driftwood

Riproduzione riservata © 2022 - NM

strillo

ultimo aggiornamento: 12-12-2021


Grammy Awards: Drake ritira le nomination, ecco cosa è successo

Gianluca Grignani: un concerto speciale nel 2022